Stampa
L’Italia continua a colorarsi di giallo. L’aumento dei nuovi casi di coronavirus è sempre più marcato e diverse regioni hanno ormai superato i parametri considerati critici per il passaggio da zona bianca a zona gialla, mentre altre rischiano di farlo entro Natale oppure Capodanno

I PARAMETRI – Per entrare in zona gialla un territorio deve superare tutti e tre i parametri considerati cruciali per l’andamento della pandemia dalle autorità sanitarie: i posti letto in terapia intensiva devono essere occupati oltre la soglia del 10%, quelli nei reparti ordinari oltre il 15% e l’incidenza settimanale dei nuovi casi di infezione deve essere pari o superiore alle 50 unità ogni 100mila abitanti 

LE REGIONI IN ZONA GIALLA DAL 20 DICEMBRE – Saranno sicuramente in giallo durante le festività Liguria, Marche, Veneto e la provincia autonoma di Trento, che da lunedì 20 dicembre -come ufficializzato dall’ordinanza firmata dal ministro della Salute Roberto Speranza – entreranno in questa fascia

Il ministro Speranza ha firmato l’ordinanza sulla basi dei dati dell’ultimo monitoraggio sull’andamento della pandemia dell’Istituto Superiore di Sanità, relativi al periodo 10-16 dicembre 2021. In Liguria l’incidenza è di 313,1 casi, le aree mediche sono occupate al 17,9% e le terapie intensive al 13,7%. Nelle Marche l’incidenza è invece di 264 casi, mentre i reparti ordinari sono occupati al 15,6% e le terapie intensive al 16,7%

Liguria, Veneto, Marche e Trento vanno così a raggiungere i territori già in giallo: Friuli-Venezia GiuliaCalabria e la provincia autonoma di Bolzano

LE REGIONI A RISCHIO ZONA GIALLA – Altre tre regioni rischiano di entrare in zona gialla già a partire da lunedì 27 dicembre. Si tratta di LombardiaLazio ed Emilia-Romagna

La Lombardia, stando ai dati dell’ultimo monitoraggio, potrebbe uscire dalla zona bianca a breve. L’incidenza è di 261 casi, mentre restano per ora sotto soglia critica i dati relativi alle ospedalizzazioni, sia in area medica che in terapia intensiva, anche grazie ai nuovi posti letto aggiunti nei reparti ordinari

Osservato speciale il Lazio, come riconosce l’assessore alla Sanità della Regione Alessio D’Amato. “Il Lazio rischia il giallo, probabilmente verso il Capodanno potremmo andarci. Bisogna sempre mantenere alta l’attenzione, abbiamo un vantaggio da difendere e non dobbiamo far calare le misure di prevenzione”, ha detto. Qui, l’incidenza è di 179,8 casi, l’occupazione dei reparti ordinari è al 12,1% e quella delle terapie intensive al 9,6%

Rischia di uscire dalla zona bianca entro la fine dell’anno anche l’Emilia-Romagna, con un’incidenza di 241 casi e un tasso di occupazione al 10% in terapia intensiva e al 10,7% negli altri reparti

IL RISCHIO ZONA ARANCIONE – C’è chi invece teme di passare in zona arancione nei prossimi giorni. Si entra in questa fascia con 150 casi settimanali ogni 100mila abitanti, il 30% di posti letto occupati in area medica e il 20% nelle terapie intensive

L’unica regione che potrebbe colorarsi di arancione a cavallo delle feste è il Friuli-Venezia Giulia, nonostante il governatore Massimiliano Fedriga (in foto) lo escluda, parlando di una “situazione sotto controllo

In Friuli l’incidenza è arrivata a 378 casi settimanali, mentre le aree mediche sono occupate al 23,3% e le terapie intensive al 14,3%

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.