Stampa

“Ho una amarezza, abbiamo perso vantaggio che aveva la Campania. In zona bianca avevamo l’obbligo di mascherina all’aperto ma non sempre lo abbiamo avuto. Ma qui i livelli di controlli sono pari a zero, ancora oggi nessuna pattuglia in nessun Comune fare una multa per il mancato uso della mascherina. Basterebbe questo per ridurre il 40% dei contagi. Se avessimo seguito questa norma… ”. Così il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca – come riporta oggi il quotidiano “Le Cronache” scaricabile online –  durante il suo intervento in Consiglio regionale a proposito dell’emergenza Covid. “Oggi la situazione è omologata, si sono registrati i primi casi Omicron – ha aggiunto -. Dobbiamo controllare che non vengano sforati i parametri o ci facciamo male, per il livello contagio siamo sopra soglia. Reggiamo perché reggono i ricoveri”. De Luca fa notare che, “dal punto di vista strettamente sanitario, noi avremmo interesse ad andare subito in zona arancione”, ma “dal punto di vista sociale ed economico no, perché’ sarebbe una tragedia bloccare di nuovo l’economia della regione”.

9 COMMENTI

  1. Il Covid e i cittadini ringraziano per le luci d”artista”.
    I cittadini ringraziano per l’aumento dell’IRPEF regionale.
    Grazie De Luca.

  2. chiacchiere di chi ha la pancia piena………la storiella di chi ha mangiato a sbafo al ristorante ed entrano altri clienti affamati….

  3. Ma sei il solito terrorista. Le TI sono solo al 5% in Campania. Non esiste il sequenziamento del Omicron perciò non potete nemmeno controllare se si ha quella variante o no. Inoltre dal Sud-Africa risulta che sia una variante contagiosa ma molto blanda!

  4. FALSO come tutto quello che afferma questo tizio da due anni. La Campania ha OGGI il 6% di posti occupati in terapia intensiva e da MESI non è mai arrivata neppure al 10%. Gli ospedali sono VUOTI, fonte ufficiale agenas. Questi pagliacci un giorno la pagheranno cara la loro falsità e la dittatura che stanno imponendo, assieme alla distruzione del tessuto produttivo regionale e nazionale. Ci sarà un tribunale che li processerà adeguatamente?

  5. FALSO come tutto quello che afferma questo tizio da due anni. La Campania ha OGGI il 6% di posti occupati in terapia intensiva e da MESI non è mai arrivata neppure al 10%. Gli ospedali sono VUOTI, fonte ufficiale agenas. Questi pagliacci un giorno la pagheranno cara la loro falsità e la dittatura che stanno imponendo, assieme alla distruzione del tessuto produttivo regionale e nazionale. Ci sarà un tribunale che li processerà adeguatamente?

  6. la fantomatica variante omicron in sudafrica non ha fatto praticamente morti ed è già praticamente sparita. stanno facendo passare tutti i normali malanni di stagione per pandemia galattica e lo scopo lo stiamo vedendo. solo i coglioni che accusavano i supposti complottisti non non lo hanno ancora capito

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.