Stampa
Secondo gli ultimi dati diffusi dal governo, sono state somministrate oltre 16 milioni di terze dosi in Italia. Il booster viene effettuato coi vaccini di Moderna e Pfizer e può avere effetti collaterali più lievi rispetto alle prime due iniezioni

Il tema è stato affrontato da Francesco Menichetti, ordinario di malattie infettive dell’università di Pisa e direttore di Malattie infettive dell’Azienda ospedaliera universitaria pisana, in un’intervista al Messaggero. “Ci dobbiamo aspettare sostanzialmente, sia con Pfizer che con Moderna, dolore nella sede dell’iniezione. Questo disturbo capita all’incirca ai due terzi dei vaccinati”, ha spiegato

Piuttosto frequenti, ha proseguito l’esperto, sono anche il senso di spossatezza e affaticamento. “In questo caso, il fastidio è riportato da uno su due dei vaccinati, e può essere associato anche a mal di testa. La cefalea si osserva circa nel 40% dei casi”, ha detto. Infine ci sono i dolori muscolari e i brividi, che si possono avvertire dopo che è stata somministrata come booster una dose del vaccino di Pfizer

In generale, ha spiegato l’esperto, la terza dose “ha una frequenza di eventi avversi molto inferiore rispetto alle prime due”. È dunque possibile che non si abbia nessun disturbo dopo la somministrazione, soprattutto se si è anziani

Il discorso potrebbe cambiare se si riceve un vaccino a mRna dopo una o due dosi di quelli a vettore virale (AstraZeneca o Johnson e Johnson). In questo caso, precisa Menichetti, “possiamo considerare una reattogenicità lievemente superiore. In sostanza, si manifestano gli stessi disturbi che abbiamo citato, ma con una intensità forse maggiore

E ancora: “Con Pfizer non sono stati segnali casi di miocardite, pericardite o altri disturbi, la casistica è limitata, ma in generale si conferma un’ottima tollerabilità. Dunque, l’entità di questi disturbi in generale è modesta e meno frequente rispetto alle prime due dosi”

Menichetti ha concluso ricordando che i possibili effetti avversi si manifestano entro 48 ore ed è improbabile che si osservino reazioni gravi se nelle prime due somministrazioni non ce ne sono state. In ogni caso, è importante riferire al dottore le proprie allergie prima della somministrazione e, se necessario, rimanere in attesa nell’hub vaccinale più dei 15 minuti previsti dopo l’inoculazione

In base alle ultime decisioni prese dal governo, sarà possibile effettuare la terza dose già quattro mesi dopo la seconda inoculazione, e non più cinque

Secondo Lab24 del Sole 24 ore, la Regione che ha somministrato più terze dosi al momento è la Lombardia: qui l’hanno ricevuta quasi tre milioni di persone. Seguono Lazio, Campania, Veneto ed Emilia Romagna. Chiude la classifica la Valle d’Aosta, con poco più di 38mila e trecento

La Fondazione Gimbe rileva che oltre il 50% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster, ha ricevuto la sua dose. La percentuale varia però molto di Regione in Regione. In Sicilia è pari al 38,6% mentre arriva al 62,4% nella provincia autonoma di Bolzano

Alcuni Paesi, come Israele, stanno valutando la somministrazione di una quarta dose, ma l’Italia non pensa di farlo, almeno nel breve periodo. “Secondo me è prematuro parlarne, vediamo cosa accade con il passaggio di questa variante”, ha detto il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri. “Vediamo i numeri, vediamo i ricoveri, vediamo quanto funzionano bene le terze dosi contro la variante. È giusto che i tempi, se necessario, li detti la scienza. Sarà nel caso una decisione guidata dai dati”.

Secondo Sileri, in questo momento, bisogna puntare sulle prime dosi, convincendo chi non si è ancora vaccinato, a farlo, e andare avanti con la terza dose

8 COMMENTI

  1. Date ascolto ad Enzo, è un grandissimo luminare….
    Ha un cugino che lavora come inserviente in una clinica e quindi ha le competenze giuste per poter fare queste affermazioni……
    Cose da pazzi…..

  2. Non scherziamo. Enzo ha ragione. Con l’ossido di grafite che si materializza dopo l’iniezione a livello vascolare, il 5G irrorerà radiazioni fatali per l’organismo. A scoppio ritardato vedremo la nostra pelle infosforire, così ci vedranno anche al buio. Ci rivediamo tra qualche anno, caproni. Considerando che la Terra è piatta, l’effetto rebound sarà irresistibile. Moriremo tutti!!!!!!111!!!111

  3. se consultiamo l’ FSE (fascicolo sanitario elettronico) di ognuno di noi ci accorgiamo che sanno cosa abbiamo, medicine che prendiamo, interventi chirurgici subiti, patologie etc.etc.
    per non parlare di Agenzie delle Entrate e monitoraggi con cellulari.
    siamo super controllati quindi chiedo:
    a cosa servirebbe iniettarci grafene, micro-cip o liquidi fosforescenti?
    non faccio salti di gioia per il vaccino ma per favore smettetela di farvi condizionare da chi strumentalizza il covid-19 per lucro o politica.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.