Stampa

Il sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli, ha firmato un’ordinanza con la quale si dispone “il divieto assoluto, nel periodo tra il 31 dicembre al 7 gennaio 2022, di accensione, lancio e sparo di fuochi d’artificio”.

Nell’ordinanza si sottolinea che “l’attività abituale di accensione di fuochi pirotecnici e petardi per festeggiare l’arrivo del nuovo anno e l’Epifania, unitamente al rumore provocato dalle relative deflagrazioni, ove esercitata in modo incontrollato e senza precauzioni può essere causa di pericoli e danni a persone, animali, cose e all’ambiente”.

Il divieto non è limitato al solo Capodanno ma è esteso fino al 7 gennaio perché “tale attività è solita essere praticata anche nelle giornate precedenti e successive a quelle del 31 dicembre, nonché dell’1 e del 6 gennaio”. Sono previste sanzioni fino a 500 euro.

L’ordinanza emessa dal sindaco di Salerno è l’ultima in ordine di tempo di una serie di ordinanze di divieto di accensione di fuochi d’artificio a Capodanno firmate da molti sindaci della provincia ma anche degli altri comuni della Campania, a partire da quelle del sindaco di Avellino Gianluca Festa, firmata il 29 dicembre, e del sindaco di Napoli Gaetano Manfredi, firmata ieri.

10 COMMENTI

  1. ahahahahah, stanno sparando botti da stamattina…non si vede un vigile urbano neanche a pagarlo.
    Come al solito tanto fumo e niente arrosto.

  2. Napoli dovrebbe pensare a mantenere la città più vivibile senza fare delle ordinanze inutili e senza senso, figuriamoci se i cittadini pensano a rispettare tale ordinanza.

  3. Ecco spiegato perche’ tutti nel mondo ci deridono…facciamo leggi e ordinanze solo per far vedere a tutti che ci stiamo impegnando……….a non fare niente (come al solito) poi!!!

  4. Mi hanno multato in via Irno .il tempo di bere un caffè. Stasera spareranno migliaia di botti e super bott…….nessuno sarà multato……

  5. Ahuahuahuahu anche quest’anno vi cacheranno l’anno prossimo Ahuahuahuahu
    Oggi sparavo sotto la macchina dei vigili , mha

  6. Qui a Torrione stanno ancora sparando bombe! Cinquanta minuti di guerra e le vittime saranno gli animali che vivono liberi o nei cortili. È una vergogna che le autorità non controllino. Se c’ è un’ ordinanza, come mai nel negozio di cinesi di via San Leonardo stasera si vendevano botti, fuochi e di tutto di più? Sono davvero indignata che chi di competenza non faccia rispettare la propria volontà. Assurdo e ridicolo. Ancora adesso la guerra non è finita. Davvero mi rifiuto di considerarmi salernitana.

  7. Molto tempestiva l’ordinanza
    I cafoni e imbecilli non si limitano ad esserlo solo dal 31 dicembre al 7 gennaio lo sono tutto l’anno. I fuochi, o meglio le “bombe”, devono essere vietate tutto l’anno.

  8. Il pecorame umano obbedisce a tutte le assurdità, gli puoi togliere ogni diritto ma le usanze da troglodita NO, non sia mai!
    Pensano di disobbedire invece è tutto calcolato…sparate sparate

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.