Stampa

E’ un fiume in piena il Governatore della Campania Vincenzo De Luca nel corso della consueta diretta Facebook del venerdì. Tema molto caldo quello del mondo della scuola con l’imminente riapertura dopo le vacanze scolastiche ma in piena ondata Covid con l’incremento dei contagi che schizza alle stelle.

De Luca anticipa che la Campania “non aprirà il 10 gennaio le scuole medie ed elementari fino a fine mese. Non ci sono le condizioni minime di sicurezza e di fornire l’assistenza necessaria alle autorità scolastiche da parte delle Asl”.

Il Presidente entra nel merito facendo una premessa

“Al punto in cui siamo arrivati per me la posizione più comoda sarebbe quella di non fare niente. Ma non mi sento di contemplare questo scivolare dell’Italia verso il disastro. C’è da stare male osservando il caos in cui stiamo piombando in vista del 10 gennaio”.

“Ho la sensazione, per me insopportabile, che si emettano dei provvedimenti per trasformare i nostri bambini in cavie sull’altare della politica politicante. A volte le immagini pubbliche sono il contrario della verità; chi prende queste misure apparentemente favorevoli al mondo della scuola fa in realtà il contrario”.

I DATI DEI CONTAGIO NEL MONDO SCOLASTICO IN CAMPANIA

“I dati che abbiamo in Campania – afferma De Luca – parlano di 3000 positivi nell’ambito del personale scolastico e 19mila positivi nella fascia 0-19 anni. La percentuale di vaccinazione che registriamo al di sotto delle prime medie e nelle scuole elementari e al di sotto del 10%. Questa percentuale aumenta nelle medie superiori, almeno con una dose di vaccino”.

“I sindaci della Campania ci invitano a ritardare l’apertura della scuola per due settimane. I presidi ci hanno detto che non sono in grado di garantire l’apertura delle scuole in presenza. E mi sembra ovvio. Basta con le misure demenziali prese dal Governo. Siamo arrivati al punto che stiamo complicando anche il linguaggio. Il green pass, il green pass base, quelle rafforzato… basta con le demenzialità”.

13 COMMENTI

  1. E i bambini delle scuole dell’infanzia possono schiattare?
    Senza mascherine, senza vaccini…
    Chiudi anche queste.

  2. Grandeeee… Aspettiamo ancora i vaccini per i bambini è una follia riaprire le scuole…completa solidarietà a De luca

  3. Solito metodo piratesco del venerdì per fare massimo scompiglio e caciara. Tanto gli annullano anche quest’ordinanza.

  4. Ma anche le superiori accidenti! Gli adolescenti sono quelli che usano i mezzi pubblici!
    E si sospendano anche le attività sportive!

  5. Questo è la conseguena delle mancate assunzioni negli anni precedenti. Per questo una regione come la Campania in campo scolastico ma soprattutto sanitario si trova ora in difficoltà. Mancanza di personale. Non avete voluto assumere e questo è il risultato. La crisi lavorativa non colpisce solo il singolo lavoratore, ma tutta la cittadinanza, da capoluogo a provincia, lo si vede ora.

  6. Non torna il conto…chi è stato fermo come al solito è stata la regione…risultano solo sulla carta 85% di terapie intensive (centinaia e centinaia) libere in Campania e 70% di posti in ospedale covid (migliaia e migliaia) liberi, ma chi affronta il covid trova code di ambulanze ferme, posti occupati e servizi e posti quasi inesistenti con medici in seria difficoltà….e la sanità dipende dalla regione, quindi tutte fasulle le super quantità di posti liberi che hanno garantito una pericolosa e fasulla zona bianca? Se la verità, già da molti denunciata, fosse emersa ufficialmente ci si sarebbe potuti premunire meglio, come legge ha voluto per altri…invece qui si accontentano i prof con la DAD e si nasconde il vero problema, cioè non far scoprire gli altarini della regione, sempre sulle spalle dei bambini, d’accordo ora è pericoloso a scuola ma chi ci doveva pensare a dare numeri veri e approntare servizi adeguati ai numeri che si davano per tempo o azioni basandosi su verità e non su numeri solo teorici ma in pratica falsi?chi indaga? Sembra sia tutto fermo….

  7. E la scuola dell’infanzia i cui bambini non usano la mascherina, il servizio mensa??
    Ah…dimenticavo, le scuole dell’obbligo vengono chiuse, quelle non dell’obbligo no…ma chist nu sta bbuon!!!!
    dovete chiudere a casa i no vax…questi dovete chiudere!!!

  8. De Luca ripete il copione dell’anno scorso. Nel frattempo, a parte gli annunci da guappo, non ha fatto niente altro oltre a far aumentare i contagi con quella scemenza delle luci e la costruzione dello spazio Covid per i bambini in quel triangolino in discesa della piazza. In questi venti giorni che farà, andrà con il lancia fiamma casa per casa a vaccinare i bambini e i ragazzi ? o come al solito si accontenterà di fare qualche altra sparata senza nessun seguito.

  9. Piaccio o meno, è l’unico che se ne infischia, coi fatti e non a parole come i meloni-salvini, dei diktat del migliore che se ne frega dei pareri degli specialisti e ripete come un mantra: scuole aperte a tutti i costi.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.