Stampa

L’art. 8 del D. L. 14/2020 ha previsto l’istituzione delle Unità speciali di continuità assistenziale (Usca) in tutte le regioni entro il 20 marzo 2020.

Tale norma prevede che tutte le regioni devono istituire, presso una sede di continuità assistenziale già esistente, una unità speciale  ogni 50.000 abitanti per la gestione domiciliare dei pazienti  affetti  da Covid-19  che  non  necessitano  di  ricovero  ospedaliero.

Si rammenta che funzione dell’Usca è quella di garantire: 1) l’esecuzione dei tamponi a domicilio; 2) l’utilizzo di strumenti innovativi per il monitoraggio dei casi sospetti in isolamento, dei pazienti sintomatici con indici respiratori non critici e dei soggetti dimessi dalle strutture ospedaliere.

A Salerno vi è una sola USCA per circa 130.000 abitanti (le Unità dovrebbero essere tre). L’USCA non riesce, evidentemente per l’esiguità del personale impiegato, a svolgere tempestivamente le funzioni per cui è stata costituita. Pazienti presumibilmente affetti da Covid aspettano, dunque, giorni per ricevere, se fortunati, il tampone a domicilio.

Chi si reca presso la struttura per ricevere il tampone e verificare se si è negativizzato attende, in taluni casi, oltre una settimana per conoscere l’esito dell’indagine (alcuni salernitani sono in attesa dal due gennaio!), essendo costretto evidentemente a protarre la condizione di isolamento per svariati giorni, anche se si è guariti in via definitiva.

Tali disfunzioni sono intollerabili e creano forti disagi ai pazienti e problemi e danni rilevanti anche in relazione all’attività lavorativa svolta che risulta, nella migliore delle ipotesi rallentata, oltre che disfunzioni anche a scuole ed uffici pubblici per il ritardato rientro del personale guarito. Il Sindaco di Salerno ha il dovere di intervenire immediatamente e di chiedere all’Amministrazione regionale maggiore efficienza ed il rispetto delle norme.

Il Governatore, piuttosto che cimentarsi in iniziative esclusivamente mediatiche più tese a mascherare le proprie incapacità che a rispondere all’interesse della comunità, assumendo in taluni casi anche decisioni che sono di competenza di altre Istituzioni, si occupi al meglio di tutelare la salute dei campani, messa a rischio da una gestione a dir poco dilettantesca di un governo regionale che ha perfino interrotto, unica in Italia, l’assistenza sanitaria ordinaria.

Lo scrive Roberto Celano – capogruppo FI

9 COMMENTI

  1. Il trend è evidentemente la chiusura di tutto… Chiuse le scuole… Chiuse le usca, chiusi i containers realizzati con i fondi europei… Ma se si chiudssero finalmente i bonifici per gli stipendi della classe dirigente campana? Potrebbe essere una soluzione?

  2. Possibile che per fare il vaccino un salernitano debba recarsi a Eboli , Battipaglia e in altri centri della provincia, si parla tanto della necessità di fare la terza dose e di vaccinare chi è ancora scettico e poi non create le condizioni per fare sì che ciò accada

  3. E c’era bisogno che lo dicesse Celano? E poi è facile fare denunce sui media….bisogna fare cose concrete. È vergognoso questa cosa, poi dicono che a pensar male, si fa peccato. Allora se tutto questo non è un business per qualcuno, se non stanno usando questa infame pandemia per guadagnare soldi, facessero più presidi usca in città. Invece con uno solo file kilometriche e ore di attesa, le persone per forza vanno a fare i tamponi( molecolari) presso laboratori a pagamento. Lunedì dovrò spendere 200 euro per tutta la famiglia. ( abbiamo appena saputo di un parente che è risultato positivo). E se per caso uno di noi dovesse essere positivo?… 10 giorni di isolamento e dopo i 10 giorni altri 200 euro? Totale…400 euro in dieci giorni. Non è cattiva fede???.. allora ,la regione, il governo, non so a chi spetta…metta i soldi e faccia fare i ramponi molecolari gratis anche nei laboratori privati.

  4. È facile denunciare, in Campania come altrove ci sono tante carenze, Manon fai mai una proposta concreta e fattibile. Così resterai all’opposizione a vita.

  5. Vergogna….la gente o fa 3 ore di fila per fare un tampone di cui i risultati poi chissà se arrivano….oppure spendono 50 euro in laboratori privati. Una famiglia di 4 persone, 4 molecolari 200 euro. E se uno è positivo, dopo 10bgiorni altri 200 euro….complimenti!!!! Aumentate le usca o fate pagare 15 euro un molecolare. Su…censuratemi anche questa

  6. Questo sono 25 anni che crede di fare opposizione con una stucchevole demagogia. Il famoso partito al contrario. Quando parla è privo di senso logico. 1 sola usca? Non lo sapevamo ancora, si dà? Lui dirà no da. È sempre il contrario di tutto. Inutile ma inutile veramente.

  7. Giusto un “Sì dad” poteva essere d’accordo con l’avere una sola USCA.
    C’è una sola emergenza in Campania ed è l’azzeramento della medicina territoriale. Avremo gli ospedali al collasso anche per l’indigestione a Pasqua, così.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.