Stampa
La pandemia da Covid-19 continua a correre in Italia e, insieme alla crescita dei contagi, aumenta la pressione sugli ospedali. Mentre rimangono sempre meno Regioni in zona bianca, alcuni territori guardano alla zona arancione. Saranno i dati del monitoraggio dell’Istituto superiore di sanità a determinare gli eventuali passaggi, ma guardando ai tassi di occupazione dei posti letto nei reparti ordinari e nelle terapie intensive si può già tracciare un quadro di cosa potrebbe cambiare da lunedì 17 gennaio

I PARAMETRI – Si passa dalla zona gialla alla zona arancione con il superamento simultaneo dei tre indicatori considerati cruciali per la gestione pandemica dei territori: il 20% dei posti letto occupati in terapia intensiva, il 30% di occupazione nelle aree mediche e l’incidenza settimanale che sfora i 150 casi Covid ogni 100mila abitanti

LE REGIONI A RISCHIO – Sono diverse le Regioni che rischiano di entrare in zona arancione nei prossimi giorni. Guardando ai dati rilasciati da Agenas, aggiornati al 10 gennaio, sembra difficile che il Piemonte possa rimanere in fascia gialla: qui, le terapie intensive sono occupate al 22%, i reparti ordinari al 32%. L’incidenza, considerando solamente i dati relativi alla giornata del 10 gennaio, è già arrivata a 200,49 casi. La scorsa settimana toccava i 2.156,47

La Liguria tocca il limite considerato critico per le terapie intensive, al 20%, mentre ha già ampiamente superato quello fissato per le aree mediche, al 39%. L’incidenza nel primo giorno della settimana era di 145,14 casi, la settimana scorsa è arrivata a 927,30

In Calabria, dove i reparti ordinari sono occupati al 36%, le terapie intensive sono al 18%, molto vicine al limite. L’incidenza di lunedì 10 gennaio era di 86,85 casi, ma nei sette giorni precedenti la soglia d’allarme era già stata superata, con 726,38 casi ogni 100mila abitanti

Diversa la situazione del Friuli-Venezia Giulia, dove sono le terapie intensive a essere oltre soglia, a quota 23%, mentre i ricoveri in area medica, al 28%, si fermano appena al di sotto della soglia d’allarme. L’incidenza di lunedì era di 132,25 casi ogni 100mila abitanti, quella della settimana precedente segnalava 1.831,61 casi

Più lontana ma in graduale avvicinamento ai parametri da zona arancione anche la Lombardia: le terapie intensive sono occupate al 16%, i reparti medici al 29%, l’incidenza di lunedì è di 176,13 casi (quella della scorsa settimana arrivava a 2.726,41 positivi)

Il Lazio ha già sforato la soglia prevista per il passaggio in zona arancione per quanto riguarda le terapie intensive, al 21%, mentre i reparti ordinari si fermano al 24%. L’incidenza nel primo giorno di questa settimana era di 167,74 casi, quella della settimana scorsa di 1.484,94

IL QUADRO ATTUALE – Da ieri sono 15 i territori italiani in zona gialla. Ancora in zona bianca Sardegna, Basilicata, Umbria, Puglia, Molise e Campania. Nessuna zona per ora è in fascia arancione

LE REGOLE DELLA ZONA ARANCIONE – Chi ha il Green pass in zona arancione può spostarsi liberamente tra Comuni della sua Regioni o anche andare in altri territori. Chi non lo ha, può muoversi solo per motivi di lavoro, salute o necessità. Serve inoltre il Super Green pass per accedere ai negozi nei centri commerciali, nei giorni festivi e prefestivi e per partecipare ad attività sportive di contatto, anche all’aperto. Tutte le altre attività sono disciplinate dagli ultimi decreti Covid, a prescindere dai colori delle regioni

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.