Stampa

Sono venti le persone indagate per gli scontri tra paganesi e avellinesi dopo il derby di Lega Pro tra Avellino e Paganese. La Digos, dopo mesi di indagini, ha individuato – come riporta “Il Quotidiano del Sud” oggi in edicola – i presunti responsabili degli scontri avvenuti sul raccordo che collega Avellino a Salerno al termine del derby dello scorso 24 ottobre. Le persone indagate sarebbero state identificate grazie ai video diffusi sul web, sui social e tramite le principali app di messaggistica.
Ieri mattina all’alba le perquisizioni nelle abitazioni dei 20 indagati: 15 persone di Pagani e 5 di Montoro, tutti sono indagati per blocco stradale. Sul capo degli avellinesi pendono le accuse di tentata violenza privata e danneggiamento; per i paganesi le accuse sono danneggiamento, lesioni e porto ingiustificato di strumenti atti a offendere.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.