Stampa

La Ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese, ha firmato l’accordo per la sicurezza partecipata per Napoli e la Campania. Il Governatore Vincenzo De Luca ha presentato le criticità attraverso un elenco dettagliato in cui faceva parte anche la città di Salerno: al centro “Violenza sulle donne, aggressione negli ospedali e sui mezzi di trasporto”. 

Un’analisi a 360 gradi sui problemi di molte zone critiche della Regione. “Sicurezza non coincide con repressione – ha esordito De Luca –, ma ci sono situazioni dove è necessaria anche la repressione. Per esempio le baby gang e le attività legate alle nuove tecnologie, penso servirà qualche intervento legislativo per mettere lo Stato in condizione di intervenire. Non confondiamo la sicurezza con l’ordine pubblico”, è l’invito del Governatore.

“L’esplosione delle baby gang ci preoccupa – ha spiegato spiega De Luca – soprattutto in relazione ai trasporti. Vogliamo estendere i protocolli d’intesa perché davvero questa situazione è delicata con bande di delinquenti che creano problemi a personale e viaggiatori”.

Immediata la risposta della Ministra. “Bisogna pensare al contesto sociale che non aiuta – è stata la riflessione di Luciana Lamorgese –: per esempio sulla dispersione scolastica bisogna andare alla radice”.

Il caso di Piazza della Concordia a Salerno

Il governatore ha inoltre segnalato al Ministro che a Salerno, in Piazza della Concordia, “2 o 3 ambulanti sono punto di aggregazione di immigrati e di spaccio di droghe e prodotti taroccati e di contrabbando. Li conosco personalmente e ho dato i nomi alla ministra”.

Su questo De Luca incassa l’impegno del Viminale: “Chiamerò il Prefetto e chiederò gli interventi necessari per evitare sacche di illegalità, la replica della ministra Lamorgese. D’accordo col Ministro, il governatore sulla necessità di responsabilizzare la gente: “Non ci si può illudere di avere una pattuglia in ogni angolo – conclude De Luca – dipende anche dal senso di responsabilità dei singoli e dei nostri concittadini”.

Violenza: “Donne costrette a rinunciare al lavoro”

Poi la violenza sulle donne. “Fenomeno preoccupante – sottolinea De Luca – lo segnalo perché ci sia un intervento così, come le violenze al personale sanitario, sulle ambulanze o negli hub vaccinali. Ci sono giovani donne che hanno rinunciato all’incarico. È un tema che merita attenzione e che segnalo. Non si può immaginare un presidio in ogni ospedale, ma in alcuni casi sarebbe opportuno”.

 

14 COMMENTI

  1. Ma delle foto normali di sto personaggio no, eh? Sempre in tema con l’articolo. Incazzato, rassegnato, come un Santo, ecc… mah

  2. buffone arrogante e soprattutto incompetente, da una vita sai che il lungomare e piazza sella concordia sono ormai preda di spacciatori parcheggiatori abusivi e venditori di merce contraffatta e quindi taci perchè non avete mai fatto nulla x levare questa feccia!!!

  3. Mo vuoi fare il salvatore della patria, quando proprio con te e i tuoi zerbini tutto questo avete lasciato a noi cittadini, quindi avvocato delle caude perse, taci che è meglio!!!

  4. E gli sceriffi del COVID?
    Fuggiti tutti ? Impauriti ?
    Deboli con i forti e forti con i deboli .
    Vi ricordate la scenetta della signora senza mascherina a lungomare? Strattonata è buttata in terra.
    Era facile allora , vero ?
    Codardi

  5. Non comprendo il senso di questo disfattismo con lacrime meridionali che si strappano peli,capelli e barbe sporche.Tutti contro De Luca che evidenzia il degrado del villaggio di Salerno.Ma voi cosa fate? Cosa producete per migliorare questo villaggio di Salerno?De Luca ha le spalle larghe e richiama Lamorgese a ridare ordine e dignità a questo villaggio del Sud

  6. bello, mi fa piacere che ormai in tanti hanno capito chi sei, ma finche non sarai in siberia e trasformare giganti roccie in finissima sabbia non sarò contento, INFAME ASSASSINO DI SALERNO

    da anni, almeno 40, la città fa schif, nu vuommec, DEGRADO a palla, inciviltà prima di tutto dei tuoi VIGILINI E POLIZIOTTI e tu ti preoccupi dei PUSHER?? e manumal che ce ne sono, senza droghe sarei già venuto a cercarti, a te e i tuoi figli, per risolvere INSIEME i problemi del popolaccio…quello siamo per te…ma tu non sei SORDI ne tanto meno il il marchese del grillo…PORCO PRES>TO SI VEDIAMO…in galera, CONTESSA

  7. Invece di ster con il culo seduti in un auto con motore acceso, presidiassero la Piazza a Piedi, ma non per una passeggiata toccata e fuggi.

  8. un ministro, in una fase storica come questa, dovrebbe, seguire le segnalazioni di ogni piazza italiana?
    E un’imprecisione dell articolo o l’ennesimo delirio?
    In tutta la città, vigili e carabinieri, sono un miraggio…
    Perchè non sollecitare il loro intervento?

  9. E poi vuoi chiudere pure le scuole e insisti. Non sai che parte tutto dall’istruzione e cultura, soprattutto il senso civico caro lestofante camorrista. Sei il peggior politico mai visto e figurati io li schifo tutti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.