Stampa
In Italia, dal 13 al 20 gennaio 2022, la pillola anti-Covid molnupiravir di Merck-Msd è stata prescritta a 1.662 pazienti positivi al coronavirus Sars-CoV-2. Mentre, al 18 gennaio, 901 soggetti hanno ricevuto remdesivir, l’antivirale per via endovenosa di Gilead. Lo indica il primo monitoraggio pubblicato dall’Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa) sull’utilizzo degli antivirali per il Covid-19 attualmente disponibili.

Entrambi gli antivirali, approvati dalla Commissione tecnico scientifica (Cts) dell’Aifa a fine dicembre, sono indicati per il trattamento di pazienti con Covid lieve-moderato e di recente insorgenza, ma con altre malattie che rappresentino fattori di rischio per la forma grave.

La distribuzione di molnupiravir e remdesivir è stata avviata il 4 gennaio da parte della struttura commissariale, successivamente sono iniziate le prescrizioni e l’inserimento dei pazienti nei registri.

Molnupiravir di Merck-Msd è il primo antivirale orale disponibile e specifico contro il coronavirus Sars-Cov-2. Il farmaco, in base ai dati comunicati dall’Aifa, è stato prescritto a  1.492 pazienti in Italia dal 13 al 19 gennaio (dato cresciuto a 1.662 il giorno successivo), con ampie differenze regionali: nel Lazio sono stati 219 i trattamenti avviati, 207 in Liguria, 203 in Piemonte, 186 in Veneto, 161 in Toscana e 114 in Lombardia. Nelle altre Regioni le sue prescrizioni risultano essere sotto i 100, mentre in Calabria e Basilicata non risulta nessun trattamento avviato.

Remdesivir di Gilead è un antivirale somministrato per via endovenosa, sviluppato inizialmente per il virus Ebola e che si è dimostrato efficace contro il coronavirus.

Il monitoraggio dell’Aifa indica che in Italia dal 12 al 18 gennaio sono stati avviati 901 trattamenti con remdesivir, di cui 244 in Emilia Romagna, 239 in Lombardia e 106 in Toscana.

Nelle altre Regioni le sue prescrizioni sono inferiori a 100, mentre non risultano essere stati avviati trattamenti in Basilicata, Calabria, Molise, Sardegna, Valle d’Aosta e nelle Province autonome di Trento e Bolzano. Remdesivir era stato inizialmente autorizzato in Italia, a ottobre 2020, per i pazienti Covid-19 ospedalizzati: i trattati in base a questa indicazione sono stati finora 79.265, di cui 12.089 in Lombardia, 11.206 nel Lazio e 6.072 in Veneto.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.