A Venezia la curva si gira di spalle nel minuto di silenzio per Zamparini

Stampa

Prima del fischio d’inizio di Venezia-Napoli, c’è stato un sentito omaggio a Maurizio Zamparini, scomparso il primo febbraio. Quindici anni alla presidenza del Venezia, il noto imprenditore è stato ricordato con un minuto di silenzio prima del match a cui ha partecipato anche Luciano Spalletti, che all’inizio della sua carriera ha allenato proprio il Venezia di Zamparini nel 1999-2000.

Mentre la gran parte dello stadio Penzo si è unito con rispetto al toccante momento, la curva del Venezia si è addirittura girata spalle al campo. Un gesto molto eloquente che si aggiunge ai cori indirizzati ai tifosi ospiti. Subito prima dell’inizio della partita, alcuni vergognosi insulti territoriali si sono levati dal settore caldo dei sostenitori veneziani all’indirizzo dei tifosi del Napoli. Nel silenzio dello stadio, le telecamere tv hanno fatto ascoltare con chiarezza i cori “Vesuvio lavali col fuoco” e “Ci vuole acqua e sapone”.

Una storia amara, lontana nel tempo ma che oggi è tornata prepotente sul campo di Venezia. Prima della partita contro il Napoli, gli ultras della curva del Venezia si sono voltati spalle al campo, per la scelta della società lagunare di giocare la partita con il Napoli con il lutto al braccio, in memoria dell’ex presidente Maurizio Zamparini, di recente scomparso. L’uomo che portò in serie A il Calcio Venezia dopo decenni ha sempre sofferto un rapporto di amore/odio con il pubblico lagunare.

I MOTIVI

Una storia amara, lontana nel tempo ma che oggi è tornata prepotente sul campo di Venezia. Prima della partita contro il Napoli, gli ultras della curva del Venezia si sono voltati spalle al campo, per la scelta della società lagunare di giocare la partita con il Napoli con il lutto al braccio, in memoria dell’ex presidente Maurizio Zamparini, di recente scomparso.

L’uomo che portò in serie A il Calcio Venezia dopo decenni ha sempre sofferto un rapporto di amore/odio con il pubblico lagunare. A far discutere la città sono state soprattutto la fusione tra Venezia e Mestre, oltre che quello che i tifosi veneziani chiamarono «sacco di Pergine», nel luglio del 2002, quando da neopresidente del Palermo portò via 12 giocatori dal ritiro lagunare per tesserarli con i rosanero da un giorno all’altro. Fu di fatto il via alla decadenza dei lagunari, fino ai giorni d’oggi.

 

11 Commenti

Clicca qui per commentare

  • Ritengo i cori discriminatori dei tifosi veneziani, corretti e perfettamente adeguati al NAPULILLO CLASSICO….
    Essere perennemente COMPLESSATO, che crede di essere FURBO E SCALTRO in qualsiasi contesto.
    Vi vantate di essere metropolitani, di avere una storia…ma resterete COMPLESSATI A VITA…XKE CONSAPEVOLI DI VIVERE NEL ?

  • Lo ripeto dall’Aprile dell’anno scorso, dal 2-1 in rimonta pieno di polemiche: è l’ora di trasformare i rapporti con la tifoseria veneziana da gemellaggio/amicizia ad odio totale, perché già allora hanno difeso a spada tratta le dichiarazioni senza fondamento uscite fuori dal loro club invece di condannarle, ma con oggi s’è toccato il fondo offendendo la tifoseria napoletana con cori irripetibili e quando si offende la tifoseria napoletana in questo modo si offende tutta la Campania, perché se non arriva la lava arrivano le ceneri a seppellirci. Se si continua così con la tifoseria veneziana è più coerente il gemellaggio con il Napoli, l’Avellino, la Cavese e la Nocerina, almeno siamo dello stesso territorio

  • Per : A te e Provonciaest….
    Siete degli idooti
    Non meritate nemmeno un commento
    Quello successo ieri a Venezia è di una brutture e un senso allucinante. La Lega dovrebbe prendere srri provvedimenti e squalifica re il campo per 5 o 6 partite…
    Non solo per i cori contro la tifoseria del Napoli, ma anche per il gesto vergognoso durante il minuto di silenzio per la commemorazione di Zamparini…
    Bisogna pure ricordare che il Venezia vuole i 3 punti senza giocare la partita di Salerno e fece tanto casino dopo la vitt6dell’andata…
    Forse qualcuno se lo è già dimenticato…
    Noi dobbiamo solo pensare a tifare e a sostenere la Salernitana

  • Lettore se tu,non fossi ipocrita, ed ammettessi di essere tifoso del napoli ,faresti più bella figura.Tu parli di odio totale per gli altri e ti indigni dei cori contro , ma falla finita ipocrita.

  • Cori meritati. In quanto alle ceneri vedete le simulazioni fatte e rifatte sull’eruzione de Vesuvio! Salerno non solo non sarà toccata ma sarà campo base protezione civile per gli sfollati. Smettetela di dire fesserie e studiate. Ai tifosi napoletani invece dico smettetela di essere quello che siete o avrete sempre odio. Stop alla violenza dei tifosi napoletani che poi fanno la parte delle vittime

  • x lettore tu pensa ai tuoi napulilli….noi siamo Salernitani! Un saluto agli amici veneziani! Salerno & Venezia!

  • Azz…. Uuuuuu Pisciaiuol ca kiamm complessat all’at?
    E pagliat 5 pallun andata e ritorno…, ci vediamo tra altri 70anni. Lo dico a mio nipote che probabilmente lo dirà al figlio… Racconterà le vostre magnifiche gesta in massima serie ahahahahah
    Mo va fa o’ Cess… Saluti

  • x VergogNA
    Peccato che a seguito dell’eruzione del 1944 Salerno fu toccata abbondantemente dalle ceneri, non a caso nel piano di evacuazione stilato dalla Protezione Civile per buona parte dei paesi Vesuviani si prevede di scappare dalla distruzione utilizzando il porto di Salerno
    x pk47 e Odio Napoli
    Dopo i fatti recenti: VENEZIA ? e vi dico di più se si risolvessero i malintesi e gli incidenti di percorso accumulati nel corso dei decenni tra la tifoseria napoletana e salernitana riusciremo in un impresa senza precedenti: trasformare il becero odio nel più meraviglioso gemellaggio del mondo: NA&SA, anche a costo di star soli.
    X quello delle 11:32
    Io non parlo mai di odio totale prima che succedano atti di questo tipo, di natura ho rispetto di tutti ma se si comportano male andando oltre lo sfottò (offendendo persino la nostra terra) non ci vedo più ma seriamente. Per la cronaca sono orgoglioso di tifare la mia regione, la Campania, special modo il Napoli, la Salernitana e la squadra del mio paese: la Rocchese (sono di Roccapiemonte)

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.