Da depressione a disturbi alimentari: gli effetti della pandemia sugli adolescenti

Stampa
La pandemia ha messo a dura prova la salute mentale dei giovanissimi. Dall’arrivo del Covid, infatti, l’incidenza di depressione e ansia fra gli adolescenti è raddoppiata e sono aumentati i disturbi alimentari

A crescere è anche l’uso dei device tecnologici che, se da una parte ha aiutato i giovani a proseguire gli studi con la didattica a distanza, dall’altra ha contribuito all’isolamento e alla perdita del contatto fisico con l’altro

A lanciare l’allarme sono diversi studi portati avanti in questi mesi da associazioni di pediatriapsicologia e dei genitori. Il Congresso nazionale della Società Italiana di Neuro-Psico-Farmacologia (Sinpf) ha pubblicato sul tema un’ampia analisi fine gennaio su Jama Pediatrics

Ha incluso 29 studi condotti su oltre 80mila giovani e ha dimostrato che oggi un adolescente su quattro, in Italia e nel mondo, ha i sintomi clinici di depressione, mentre uno su cinque presenta i segni di un disturbo d’ansia

Questo diffuso disagio mentale rischia di avere conseguenze negative sulla salute futura dei ragazzi. È stato dimostrato che soffrire di depressione durante l’infanzia e l’adolescenza si associa da adulti a una salute peggiore, mentale e non solo, e a maggiori difficoltà nelle relazioni

Secondo gli esperti, i tassi di depressione e ansia che si registrano sono direttamente correlati alle restrizioni: si impennano quando viene impedita la socialità, quando si deve tornare alla didattica a distanza, quando non si possono coltivare le relazioni con i coetanei

La probabilità di disturbi mentali è particolarmente frequente fra i ragazzi più grandi, che più dei bambini, spiegano gli psichiatri, hanno risentito dell’isolamento. A pagare il prezzo più alto sono infatti i gli studenti della scuola secondaria superiore, un momento della vita essenziale per le nuove esperienze e per i primi traguardi

“Non vivere nella normalità ‘pietre miliari’ come l’esame di maturità o i primi amori per la psiche di un giovanissimo è assimilabile a un lutto e come tale può essere un fattore scatenante di ansia e depressione”, spiega Claudio Mencacci, co-presidente Sinpf e direttore emerito di neuroscienze e salute mentale al Fatebenefratelli-Sacco di Milano

“Molti possono avere sintomi di disagio mentale che poi si risolvono, ma tanti stanno mostrando di non riuscire a superarli. Senza contare coloro che erano già fragili prima del Covid, per i quali la pandemia è stata ancora più difficile da affrontare. Tutti devono essere intercettati e aiutati“, è il monito degli specialisti

A causa della pandemia aumenta anche il rischio di disturbi alimentari tra i giovanissimi. Lo testimonia una ricerca dell’Università Cattolica che ha coinvolto 482 studenti di 14-19 anni delle scuole superiori dell’Emilia-Romagna

La ricerca ha rivelato che circa il 16% degli adolescenti vive oggi il cibo come un “problema”, con relativo rischio di disturbi alimentari come anoressia o bulimia. Sono aumentati i giovani che non fanno colazione: oltre uno su quattro ha la pessima abitudine di saltare i pasti principali della giornata

Per gli esperti è ragionevole credere che questo atteggiamento di disagio sia stato acuito dalla solitudine prolungata dei periodi di lockdown e, più in generale, dalle varie restrizioni che limitano e impoveriscono le relazioni sociali, con evidenti impatti negativi sulla psiche degli adolescenti

Un altro aspetto che si aggiunge ai disagi mentali degli adolescenti è l’uso prolungato della tecnologia. Tra televisione, smartphone, videogamechat e internet trascorrono in media 9 ore al giorno davanti a uno schermo

Da quando è scoppiata la pandemia, il tempo trascorso da bambini e adolescenti davanti ai device tecnologici è aumentato del 67%L’87% dei genitori ha riscontrato effetti negativi sui ragazzi e il 52% ha segnalato la perdita del contatto fisico con gli altri

Per curare situazioni di disagio, gli esperti consigliano di intervenire prontamente con un percorso psicoterapeutico. Ma, se non basta, “anche i farmaci possono essere d’aiuto. Il dibattito sulla prescrizione degli antidepressivi in infanzia e adolescenza è ancora aperto”, afferma Mencacci

Gli antidepressivi, conclude, “possono e devono essere somministrati a un adolescente se è opportuno, ma occorre sempre un attento monitoraggio e un percorso di cura che tenga conto della situazione emotiva e cognitiva

Commenta

Clicca qui per commentare

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.