fbpx

Epatite acuta nei bambini, potrebbe esserci una connessione con il Covid: lo studio

Stampa
Continuano le ricerche degli scienziati per identificare la causa dell’epidemia di epatite grave sconosciuta che sta colpendo i bambini di tutto il mondo. Da aprile sono stati registrati circa 350 casi nei piccoli in 21 Paesi e per almeno 26 di loro sono stati necessari trapianti di fegato, secondo l’aggiornamento dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) della scorsa settimana

La teoria principale è che sia innescata dall’adenovirus – il virus che può causare il comune raffreddore – al quale la maggior parte dei pazienti, ma non tutti, è risultato positivo. Secondo l’Oms, la presenza dell’adenovirus è stata riconosciuta nel 70% dei casi finora noti

Se l’adenovirus resta il primo sospettato, nella lista delle possibili cause c’è anche il Covid-19. A fare il punto è la rivista The Lancet Infectious Diseases. Il periodo di isolamento dovuto alla pandemia potrebbe avere indebolito le difese immunitarie di molti bambini a causa della mancanza di mescolanza sociale

Dato che gli adenovirus sono molto comuni e che anche in passato sono stati identificati in concomitanza con casi di epatite in bambini dalle difese immunitarie indebolite, si sospetta che questa possa avere un legame con l’isolamento

Un’altra ipotesi è che la ripresa dei contatti sociali al termine delle restrizioni possa avere spinto una maggiore circolazione degli adenovirus o anche che un ceppo mutato di adenovirus si sia evoluto per diventare più grave

Ancora, c’è chi ritiene possibile che sia una vecchia infezione da Covid a scatenare l’epatite. L’attenzione degli scienziati si è concentrata sull’adenovirus del sottotipo 41F, rilevato in alcuni casi in Gran Bretagna e negli Stati Uniti, che però non è noto per attaccare il fegato

È possibile che i bambini, molti dei quali sono troppo piccoli per essere vaccinati, possano aver avuto in precedenza infezioni da Covid lievi o asintomatiche passate inosservate, spiegano i ricercatori

Se così fosse, le particelle persistenti del coronavirus nel tratto gastrointestinale potrebbero indurre il sistema immunitario a reagire all’adenovirus 41F in modo eccessivo, con elevate quantità di proteine ​​infiammatorie che alla fine danneggiano il fegato

“Questa è solo un’ipotesi, non ci sono dati a sostegno di questo ed è per questo che è così importante che il test Covid, fra gli altri test, venga eseguito sistematicamente sia per rilevare l’infezione passata che una presente e per tutti i bambini, in modo da poter fare confronti tra i casi segnalati in diversi Paesi”, ha precisato Philippa Easterbrook dell’Oms

Secondo altri bisognerebbe capire se le epatiti possano ricadere nella scia della sindrome infiammatoria multi-sistemica dei bambini (Mis-C) che spesso accompagna i casi di Covid-19

C’è poi chi ritiene possibile che un’infezione simultanea, provocata dal SarsCoV2 o da un altro patogeno, oppure l’esposizione a una tossina, a un fattore ambientale, o ancora l’assunzione di un farmaco, possano avere alterato la risposta dell’organismo all’infezione da adenovirus

Sembrerebbero invece scagionati, si rileva nella rivista, i virus noti per provocare epatiti acute nei bambini, quelli delle epatiti A ed E. Fuori discussione anche l’ipotesi che si tratti di una conseguenza dei vaccini anti Covid-19, anche alla luce del fatto che la maggior parte dei bambini colpiti dalle epatiti non ha l’età per essere vaccinata

Commenta

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com