fbpx

Esperti: “Pandemia migliora, ma non è finita”. I 3 scenari fino al 2027

Stampa
I momenti peggiori della pandemia da Covid-19 sembrano ormai passati ma i governi “non devono fingere che la crisi sia finita solo perché la mortalità si è ridotta: per molti cittadini ci saranno ancora molti anni di difficoltà e sfide”. A dirlo è l’International Science Council

L’organizzazione, che riunisce oltre 200 associazioni scientifiche nazionali e internazionali, ha stilato un documento in cui si delineano tre possibili scenari pandemici, da qui al 2027

Ogni ipotesi è condizionata da vari elementi, come l’andamento delle vaccinazioni nei Paesi più poveri e i conflitti internazionali

IL PRIMO SCENARIO – Un primo scenario, il più ottimistico, parte dal presupposto che nei prossimi anni la percentuale di persone completamente vaccinate contro il Covid aumenti a livello globale da circa il 60% a oltre l’80%

Il virus, dice l’International Science Council, non scomparirebbe nemmeno in questa eventualità, ma diventerebbe più gestibile: si salverebbero vite umane, l’economia mondiale andrebbe meglio, la salute mentale delle persone anche

IL SECONDO SCENARIO – Nel secondo scenario, considerato il più probabile, il tasso di vaccinazione globale non supererebbe il 70%. Il coronavirus potrebbe in questo caso diventare endemico, con picchi stagionali che travolgerebbero gli ospedali in vari Paesi

Questa situazione richiederebbe “vaccini aggiornati e l’uso di farmaci antivirali“. Il più basso livello di immunizzazione di questo scenario sarebbe dovuto alla “miopia” dei governi più ricchi, restii nell’aiutare quelli più poveri a procedere con le vaccinazioni di massa

Entro il 2027 si avrebbe così una “esacerbazione delle disuguaglianze globali“. Le ricadute farebbero slittare di un decennio il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile mondiale prefissati dalle Nazioni Unite

IL TERZO SCENARIO – Il terzo e ultimo scenario, quello più pessimista, ipotizza una riduzione nella somministrazione di vaccini dovuta alla crescita di correnti politiche nazionalistiche e populiste, parallelamente all’aumentare delle tensioni geopolitiche

Meno del 60% della popolazione globale sarebbe vaccinata contro il Covid-19, con i Paesi a basso reddito in difficoltà ad accedere a vaccini e farmaci antivirali. Il virus rimarrebbe così in gran parte incontrollato nel mondo, causando gravi recidive

 

Commenta

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com