fbpx

Referendum giustizia, il 12 giugno si vota anche nel Salernitano: cinque i quesiti

Stampa

Il 12 giugno si vota in tutta Italia per il referendum sulla giustizia, voluto fortemente dalla “strana coppia” Partito Radicale (promotore del referendum) e Lega (il partito che maggiormente si è speso per raccogliere le firme). Un referendum di cinque punti, ognuno con un certo grado di complessità al quale rispondere con un “sì” e un “no”. Come previsto da legge per tutti i referendum abrogativi, è necessario – come riporta oggi il quotidiano “Le Cronache” consultabile online – raggiungere il 50% di partecipazione del censo elettorale affinché il referendum sia valido. Per cosa si vota? I primi tre quesiti rientrerebbero nell’ottica di una riforma della Magistratura stessa. Si comincia dal sistema d’elezione del Csm, incidendo correntismo: il quesito prevede la possibilità – in caso di vittoria dei “sì” – di evitare il passaggio preliminare di accettazione della candidatura al CSM tramite la raccolta di 25 firme dei togati. L’eliminazione di questo criterio porterebbe, stando ai promotori, a un minor peso delle correnti all’interno del Csm. Il secondo quesito, che è anche quello più complesso e portato con la dicitura “equa valutazione dei magistrati”, offre la possibilità di far valutare, agli avvocati e ai professori, la professionalità di giudici e magistrati. Per i promotori del referendum, questa apertura al giudizio esterno garantirebbe una maggior obiettività. I contrari, invece, sostengono che a causa della sensibilità della funzione giudiziaria, si rischierebbe di comprometterne la funzione. Il terzo e ultimo punto di questo blocco ripropone la separazione delle carriere della Magistratura, tra pm e giudici, scelta che – secondo i promotori del referendum – dovrebbe essere compiuta all’inizio del percorso all’interno della struttura del potere giudiziario. Il quarto quesito riguarda la limitazione delle misure di custodia cautelare: la vittoria del “sì” al quesito limiterebbe la custodia cautelare unicamente ai casi di rischio concreto di fuga, inquinamento delle prove o rischio di commettere reati di particolare gravità. Pertanto, per tutti gli altri casi e fino alla sentenza definitiva, l’imputato non avrebbe particolari limitazioni sulla propria libertà. L’ultimo quesito verte sulla Legge Severino, tanto discussa nella passata decade, che determina l’incandidabilità e il decadimento dal pubblico ufficio in caso di condanna in via definitiva per reati gravi contro la Pubblica Amministrazione.

Commenta

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com