fbpx

Comprendere i disturbi dell’autismo indagando il sistema visivo, studio

Stampa
Dall’ipersensibilità ai vestiti a un’estrema attenzione visiva al dettaglio: circa il 90% delle persone affette da autismo riporta esperienze sensoriali atipiche. All’origine di ciò si troverebbe uno sbilanciamento dell’attività neuronale. Un nuovo progetto del neuroscienziato della Scuola internazionale superiore di studi avanzati (Sissa) Davide Zoccolan, finanziato dalla Simons Foundation Autism Research Initiative (Sfari), si propone di verificare questa ipotesi nel sistema visivo.

Il progetto, secondo programma, partirà a ottobre e per due anni lo scienziato studierà le capacità visive e i sottostanti processi neuronali in un tipo di ratto modificato geneticamente.

“A differenza dei topi – spiega Zoccolan – che hanno funzioni cognitive e livelli di interazioni sociali molto più limitate dell’umano, il ratto è superiore a livello comportamentale, a livello di struttura sociale dei gruppi in cui vive e a livello di capacità cognitiva”.

Zoccolan eseguirà in team esperimenti di tipo comportamentale e neurofisiologico per studiare i processi visivi in animali portatori di una mutazione in un gene fortemente coinvolto nell’autismo. I ricercatori verificheranno la presenza di anormalità visive simili a quelle riportate nelle persone autistiche e indagheranno i processi corticali coinvolti: “Abbiamo proposto esperimenti che vadano a testare questo punto di vista comportamentale percettivo per indagare quali sono i correlati neuronali e come si differenziano rispetto agli animali neurotipici”.

Il primo obiettivo sarà “caratterizzare questi modelli”. Successivamente, “scoprire come le proprietà visive sono alterate in questi animali potrà avere un forte impatto sulla comprensione dei processi neuronali che caratterizzano i disturbi dello spettro autistico. Questo potrebbe aprire la strada a nuove strategie terapeutiche che vadano a riattivare specifiche componenti dei circuiti nervosi attraverso tecniche di opto- e chemo-genetica”.

Il progetto è uno dei sette finanziati da Sfari, che insieme al Medical College of Wisconsin ha sviluppato otto diversi modelli mutanti di ratto per consentire lo studio dell’autismo e test preclinici di possibili terapie.

Fonte: ANSA

Commenta

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com