fbpx

Bankitalia,dopo choc Covid, +6% per economia in Campania. Recupero c’è ma parziale

Stampa
Dopo ‘l’annus horribilis’ contrassegnato dal Covid, nel 2021 l’economia campana ha rialzato la testa mettendo a segno un + 6% dell’indice Iter, l’equivalente del Pil regionale.

Un recupero importante, ma ancora parziale, quello evidenziato dall’annuale rapporto sulla economia campana elaborato da Banca d’Italia e presentato oggi nella sede centrale dell’Università Federico II.

Un incremento in linea con quello del Mezzogiorno (+5,9%) ma inferiore a quello dell’Italia che si attesta sul +6,6%. La ripresa dell’attività è stata molto intensa nel secondo trimestre per poi proseguire nella seconda parte dell’anno, sebbene a ritmi più contenuti. Rispetto al 2019, tuttavia, il recupero è stato parziale: l’attività in regione è risultata inferiore di oltre il 3%, un divario in linea con quanto registrato nel Mezzogiorno ma di poco più ampio che in Italia.
Una tendenza positiva confermata anche dal primo trimestre del 2022 prima che si facessero sentire gli effetti della guerra con il rincaro di alcune materie prime e sui consumi.
Bene le imprese. Nel 2021 il recupero dell’attività è stato consistente e generalizzato tra i principali settori. E’ notevolmente cresciuta la quota di aziende con fatturato in aumento, in particolare tra le aziende di servizi. E il valore aggiunto dell’industria è tornato ai livelli del 2019. Sono tornati i turisti (+11,6%) anche se non siamo ancora ai livelli pre pandemia (-60,1% rispetto al 2019). Bene anche gli investimenti, soprattutto nel campo dell’industria. Positivo anche l’export regionale che ha recuperato il calo del 2020, interessando in particolare le imprese della farmaceutica, della metallurgia e della trasformazione alimentare. In ripresa anche i consumi (+4,7%), complice anche l’allentamento delle misure di restrizione legate al Covid. Molto bene le costruzioni che segnano un +19,9% trainate dai vari bonus fiscali. Più contenuta invece la crescita dei servizi. Non manca qualche nota negativa.
Male l”export campano, che continua a risentire della filiera aeronautica. Anche le vendite estere dell’automotive sono in calo. Infine, la scuola. Solo il 9% degli studenti campani frequenta plessi dotati di mensa e solo il 39% può usufruirne.
(ANSA).

1 Commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Numeri dati per caso, la realtà è diversa da come la descriva o questi Grandi Analisti, forse guardano le loro tasche e fanno e dicono cavolate, la povertà è in aumento gli occupati diminuiscono praticamente la crescita specialmente in Campania e sotto lo zero…..

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com