Positano, presunta aggressione al parcheggio la difesa della ditta Mandara

Stampa
La ditta “Mandara”, tramite lo scrivente avvocato Agostino Amendola, si vede costretta ad offrire le opportune precisazioni a seguito delle sorprendenti notizie apparse sulla stampa locale con le quale si d’acconto di una inverosimile aggressione a sfondo razzista a danno di malcapitati turisti stranieri e perpetrata dai dipendenti della società mia assistita che sarebbero ricorsi anche alle vie di fatto procurando loro lesioni personali.
L’arbitraria e unilaterale ricostruzione dei fatti contrasta con quanto realmente accaduto e tanto impone di replicare con fermezza alle infamanti accuse di razzismo rivolte gratuitamente alla mia assistita.
Invero in data _____ un gruppo di turisti di nazionalità belga, alcuni dei quali di origine orientale, avendo necessità di custodire i loro veicoli per la durata di un escursione nella nostra bella cittadina, decidevano di avvalersi dei servizi della ditta Mandara esercente la nota attività di parcheggio nel centro di Positano le cui tariffe, come è noto, sono esposte in modo chiaro è visibile sia all’interno che all’esterno dell’immobile all’uopo destinato.
Orbene al momento del ritiro dei veicoli il personale addetto alla cassa, comunicato il corrispettivo per la custodia, con grande stupore si vedeva contestare immotivatamente dai cinque turisti il prezzo richiesto i quali, erroneamente convinti di essere rimasti vittima di un raggiro, non mancavano, dopo aver pagato, di rivolgere loro l’epiteto di “ladri”.
Ancora, con fare provocatorio e indisponente e con il chiaro intento di intralciare l’uscita e l’ingresso in garage degli altri veicoli, i cosiddetti turisti decidevano arbitrariamente di stazionare sulla rampa di accesso in attesa della restituzione dei loro veicoli nonostante fossero stati invitati a spostarsi in un altro luogo.
All’ennesimo invito dell’addetto al garage di liberare la rampa, rivolto loro dapprima in lingua italiana e poi in quella inglese, il gruppo dei cinque turisti, che si era espresso in precedenza presso la cassa appunto in lingua inglese, faceva intendere di non capire quanto venisse loro riferito perché capace di comprendere solo la lingua francese.
Anzi, occupando sempre la rampa, pretendevano in quanto turisti belgi di lingua francese che ci si rivolgesse loro in tale idioma.
L’atteggiamento provocatorio e di sfida assunto dai cinque sfociava in un’accesa discussione al culmine della quale un dipendente della ditta mia assistita veniva raggiunto da un violento colpo tanto da dover ricorrere alle cure del pronto soccorso.
Tale è il reale accadimento dei fatti, appurabile anche dalle riprese delle videocamere di sorveglianza già acquisite dalle forze dell’ordine.
Tanto a conforto di quanti temevano la dispersione di tale strumento di prova che invece è stato prontamente reso disponibile, non avendo la ditta “Mandara” nulla da nascondere.
L’attento lettore sicuramente saprà cogliere la bizzarra circostanza per la quale delle persone che non comprendono né l’italiano e né l’inglese, e che pretendevano che ci si rivolgesse loro in francese (circostanza che numerosi testimoni potranno confermare), abbiano di contro percepito di essere fatti indirizzo di offese di stampo razzista.
A tale proposito, e a conferma della natura infamante dell’infondata accusa rivolta, è necessario precisare che la famiglia Mandara, anche in passato, si è avvalsa di sovente della collaborazione di personale di nazionalità straniera instaurando con loro rapporti di lavoro condotti con reciproca soddisfazione.
Ancora oggi, almeno otto persone di nazionalità straniera sono impiegate presso le strutture  della famiglia Mandara.
Tale segno tangibile, che si accompagna anche alla adesione alle numerose campagne per le adozioni internazionali a distanza , basta di per sè solo a rischiarire le fosche tinte con le quali si è inteso narrare la vicenda.

2 Commenti

Clicca qui per commentare

  • Questi pseudonimo operatori del turismo in costiera amalfitana si credono di essere i più furbi di tutti. Solidarietà ai turisti belgi che sicuramente saranno stati oggetto di offese gratuite e salassati in maniera inverosimile dai parcheggiatori. La fortuna di questi Positanesi l’hanno fatta gli americani altrimenti si starebbero ancora morendo di fame! Estorsioni legalizzate pagare 7 euro l’ora per un parcheggio? Ma dove si credono di avere le attività a Dubai?????

  • Caro Francesco, i parcheggi saranno pure cari ma, lo sanno tutti.
    Se vuoi in costiera ci puoi andare con tanti altri mezzi. Da Mandara ho parcheggiato qualche volta e sono stati sempre gentili e spiritosi.
    Il proprio dovere lo deve fare l’agenzia delle entrate e la guardia di finanza e non i turisti belgi. Questi ultimi pensavano di stare nel far west a farsi giustizia da soli… il problema è che… birra e sole cocente … non vanno d’accordo

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.