Flavio morto a 12 anni all’acquapark: colpo di testa sullo scivolo o malore?

Stampa
Un malore, improvviso e fulminante. O un colpo alla testa mentre giocava. Sono le due ipotesi al momento al vaglio degli investigatori per capire cosa ha causato la morte di un ragazzino di 12 anni in un parco acquatico di Battipaglia.

Una tragedia in un giorno che avrebbe dovuto essere di festa. Ovviamente le cause del decesso sono ancora in corso di accertamento. La vittima, originaria di Pompei – si era da poco lanciato da uno scivolo.

Flavio è sceso velocemente dallo scivolo. Una volta arrivato in piscina però, subito ha accusato un malessere. È riuscito a rialzarsi e ad uscire, ha cercato ristoro su un lettino, ma poi la situazione è velocemente precipitata. Il ragazzino ha vomitato e si è accasciato al suolo sotto gli occhi terrorizzati della sorella e del fratello più grandi, maggiorenni, con i quali era venuto da Pompei per trascorrere una giornata di divertimento all’Aquafarm di Battipaglia.

Un fatale incidente, forse la testa battuta da qualche parte durante la discesa dall’impianto, o, non si può escludere, un malore improvviso: le ipotesi sono queste ma non c’è ancora nessuna certezza su cosa possa aver stroncato la vita di Flavio Parmendola, 12 anni, morto ieri mattina intorno alle 11 nel parco acquatico del Salernitano. Subito sono stati allertati i soccorsi, sul posto è giunta la Croce bianca, ma nonostante i tentativi di rianimazione non è stato possibile salvarlo.
Solo nelle prossime ore, dunque, e all’esito dell’esame autoptico, sarà possibile stabilire cosa sia accaduto. Qualche informazione in merito alla dinamica dei fatti potrà forse venire dalla visione dei filmati delle videocamere del parco acquatico sequestrati dalla Squadra mobile della Questura di Salerno, che procede in collaborazione con gli agenti del commissariato di Battipaglia, che hanno svolto i primi accertamenti sul luogo della tragedia guidati dal vicequestore Giuseppe Fedele.

Tutte le attività dell’Aquafarm sono state sospese e lo scivolo dal quale era sceso il 12enne è stato posto sotto sequestro. Il bambino era al parco acquatico in compagnia dei fratelli, mentre mamma e papà erano a lavoro, nella panetteria che gestiscono nel centro di Pompei, dove sono molto conosciuti e amati.

Commenta

Clicca qui per commentare

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.