Salernitana, De Sanctis: “Speso oltre 20 milioni, siamo a tavola con top club a testa alta”

C’era grande attesa per la conferenza stampa del direttore sportivo della Salernitana Morgan De Sanctis che in mattinata all’Arechi è tornato a parlare davanti ai giornalisti dopo quasi un mese dall’ultima volta in cui venne presentato alla stampa. E’ stata l’occasione per fare il punto sulle trattative di mercato.

Ecco le prime parole del DS granata

“Fino a questo momento è stato fatto un buon lavoro da parte del club, partivamo da una situazione che imponeva di rivedere la rosa in larga scala. Non si possono trascurare gli otto acquisti che sono stati fatti, sette a titolo definitivo. Sono stati investiti, tra costi di cartellino e di commissione, più di 20 milioni di euro e abbiamo preso calciatori giovani, di prospettiva e di sicura affidabilità per il presente. Lovato, Pirola, Bonazzoli, Bradaric, Sambia, Botheim, Valencia e Kastanos sono elementi di spessore, è un lavoro che vale tantissimo ma che non abbiamo ancora completato”.

SUI “RITARDI” NEL COMPLETARE LA ROSA

“Il ritardo non mi preoccupa, la Salernitana ha un obiettivo ed è quello di consolidare la squadra all’interno del campionato di serie A. Negli anni vorremmo diventare un modello da seguire, tipo quello dell’Atalanta o del Villareal. Questo passaggio non si può fare nell’arco di una estate, siamo alla fase iniziale del nostro progetto. E’ ovvio che arriveranno altri tasselli, ma non bisogna affatto sottovalutare quanto fatto fino ad ora. Sono stato chiarissimo con voi, con i tifosi e ho condiviso la mia idea con proprietà e staff tecnico. Non si può barattare la fugace e immediata felicità con l’obiettivo di questa società”.

“GIUDICATE ALLA FINE DELLA STAGIONE”

“Noi vogliamo essere giudicati per i risultati che faremo alla fine della stagione. Fino alla chiusura del mercato estivo giocheremo 4 gare di campionato, dal due settembre altre 11. A gennaio avremo ancora possibilità di intervenire. Se aspettare adesso l’opportunità giusta per essere più competitivi è una esigenza, noi siamo pronti a muoverci in questa direzione. E’ questo il messaggio che deve passare. Non sono insensibile a quello che scrivono i giornalisti e a ciò che i tifosi percepiscono, ma tocca anche alla stampa trasferire il messaggio giusto. E’ proprio quando siamo meno competitivi che il tifoso deve dare manforte”.

LA SQUADRA AD OGGI ‘NON COMPETITIVA’: «CI SONO CALCIATORI INDISPONIBILI»

“La settimana scorsa c’è stata anche la conferenza del mister, ha parlato di mancanza di competitività. Direi che però ciò è condizionato dall’indisponibilità di otto calciatori che faranno parte della rosa, questo incide e non poco. Ora non siamo al completo, ma è una situazione momentanea. Credo profondamente che la proprietà, il gruppo di lavoro della direzione sportiva e lo staff tecnico meritino l’appoggio dell’ambiente. Noi puntiamo a profili medio-alti che hanno bisogno di tempo per convincersi. Io aspetto, non sono pervaso dall’ansia. Ad ora siamo già più forti dell’anno scorso”.

LA STRATEGIA DEL CLUB SUL MERCATO ED I NOMI TOP PLAYER

“Se si parla di Cavani e Mertens e poi arriva un giocatore ‘normale’ è evidente la gente sia delusa. Mi è capitato di andare a cena in città e di incontrare tifosi di giovane età, mi chiedono di questi top player e capisco il loro stato d’animo. Mi sono confrontato su questo aspetto con il Presidente e con l’Amministratore Delegato. E’ normale che qualche errore lo abbiamo commesso, ma è stato fatto assolutamente in buona fede”.

“Come ho detto nella prima conferenza stampa, dal mio punto di vista non posso e non devo contaminare l’entusiasmo del nostro Presidente e la sua disponibilità economica che gli consentirebbe di fare un certo tipo di investimento. Ma io gli trasferisco quanto arriva dal mercato”.

“Cavani è un mio amico, sto nel calcio da 35 anni e vorrei che capiste chi avete da quest’altra parte. So cosa mangia, come ragiona, come si allena. Il mio messaggio è volto al pragmatismo e alla serietà, poi è ovvio che il calcio sia bello anche per sognare senza mai perdere di vista concretezza e realismo”.

“Lo so che c’è questa idea che la Salernitana debba fare il ‘colpo’, ma non vorrei che poi prendiamo un giovane forte e poi i tifosi e l’ambiente storcono il naso. E’ questo il mio cruccio. Penso di essere abbastanza loquace per dettagliare il mio punto di vista, ho capito che dovrà parlare più spesso per trasmettere correttamente le idee della società”.

“Io il presidente lo ringrazierò non una ma mille volte. Mi ha dato fiducia, mi sono seduto a tavola a testa altissima con club di Premier League e questo ha un valore. Se prendiamo sette calciatori a titolo definitivo significa che la proprietà merita sostegno. Stiamo capendo tutti quanti, perché siamo giovani, che ci sono delle difficoltà e non bisogna far veicolare certi messaggi. Sarà una mia preoccupazione far crescere il club anche sotto questo aspetto”.

COPPA ITALIA E PRIMA DI CAMPIONATO CON UNA FORMAZIONE RIMANEGGIATA

“Radovanovic, Bradaric, Gyomber, Lovato, Mazzocchi, Boultam, Sambia e Jaroszynski sono infortunati. E’ questo il motivo principale per cui avremo delle difficoltà contro Parma e Roma. Bisogna contestualizzare tutto in modo razionale, se non avessimo l’infermeria piena non saremmo così in difficoltà. Questo è un dato di fatto. Dico, però, che è stato un errore annunciare arrivi imminenti”.

“Non dovevamo agire così. Io preferisco che arrivino i migliori calciatori possibili fosse anche nelle ultime giornate di mercato. Ovvio, partire bene è importante. Roma a parte, il calendario propone subito degli scontri diretti e ne sono consapevoli ma farsi soffocare dall’ansia sarebbe un errore. E’ troppo più importante guardare a lungo termine. Prenderemo calciatori forti, li metteremo al posto giusto al prezzo giusto”.

SUI NOMI CHE CIRCOLANO E LE TRATTATIVE IN CORSO 

“Tre giorni fa ho deciso di fare la conferenza, ma avevo necessità di sistemarmi i capelli. Sono andato dal barbiere, il giorno dopo ho visto la mia fotografia su tutti i social. Evidentemente ho fatto un errore, a questo punto dovrò farli di nascosto a Roma. Perchè vi racconto questo? Ho parlato tanto con il presidente, con l’amministratore delegato e con la responsabile dell’area comunicazione”.

“Con tutti voi della stampa, per quanto mi è possibile, cerco di essere a disposizione e mostro massima collaborazione. Però non mi aspettavo di ritrovare costantemente sui giornali i nomi dei nostri obiettivi. In alcuni casi non ho avuto nemmeno il tempo di discuterne con l’allenatore che ho letto la notizia su qualche organo di informazione. Per essere competitivi sul mercato c’è bisogno anche di una collaborazione con i giornalisti”.

“Un calciatore non rifiuta se ne parlate sui siti, è evidente, ma le difficoltà aumentano e dovremo agire in modo differente per il bene della società. Se viene fuori il nome il prezzo si alza e aumenta la concorrenza, in quel caso la Salernitana risulta un po’ meno competitiva delle altre. Era una costatazione doverosa. Non sono i giornalisti i destinatari, ma tutto ciò che gira attorno a noi. E’ nell’interesse del club. Poi c’è qualcuno che ha detto che ero a pranzo con Cavani…lasciamo perdere”.

ALTRI 4 ACQUISTI PER LA SALERNITANA

“Puntiamo a prendere almeno due centrocampisti, un difensore ed un attaccante. Poi ci regoleremo in base alle uscite. Sui 4 acquisti stiamo aspettando e ci stiamo prendendo del tempo. Riscontriamo che alcuni giocatori che ci hanno detto no ieri…domani potrebbero dirci di sì. Il mercato è in continua evoluzione e noi abbiamo sempre una alternativa pronta qualora non arrivassimo al nostro obiettivo”.

“Vi faccio un esempio. La trattativa Maupay, che voi avete relazionato molto bene, in un primo momento non si è chiusa. Poi la società inglese ci ha contattato per dire che era disponibile a riaprire il discorso ma intanto abbiamo preso Bonazzoli. Ad ogni modo noi chiuderemo il mercato con 12-13 acquisti, al netto di un mercato in uscita che può cambiare gli scenari”.

CASO MAZZOCCHI: “DOMANI NON GIOCHERA'”

“La mia volontà è quella di trattenerlo, lo dissi già nella prima conferenza stampa. La società ha riconosciuto il suo valore e gli ha proposto un adeguamento del contratto pur avendogli garantito un triennale importante pochi mesi fa. Ci tengo a precisare che Sambia, che ricopre lo stesso ruolo, ha giocato l’ultima partita il 21 maggio ma ha saltato parte del ritiro per un virus gastrointestinale. Ciò detto, ribadisco un concetto: la Salernitana deve costruire la rosa più competitiva possibile con doppioni forti in tutti i ruoli”.

“Non si può pensare che a Salerno un calciatore debba avere il posto garantito, è un nostro dovere mettere a disposizione dell’allenatore un alter ego in ogni reparto. Altrimenti facciamo la serie A con undici giocatori. Il presidente di investire, io lavorerò sul mercato e poi le scelte spettano allo staff tecnico. E’ un discorso generale. Non esistono titolari per grazia ricevuta, bisogna sudare allenamento dopo allenamento accettando la concorrenza. La Salernitana, l’anno scorso, si è salvata con 31 punti”.

“Sono super riconoscente a chi c’è stato fino a giugno, ci mancherebbe, se oggi lavoro in serie A è merito di chi c’era prima. Ma sapete perfettamente come ci siamo salvati. Migliorarci è un obbligo. Vi prometto che a fine mercato non darò alibi a nessuno, a partire dal sottoscritto. La proprietà è seria, è forte, ha risorse ed entusiasmo. E tutti abbiamo il dovere di dire “Forza Salernitana, Macte Animo!”, siamo a servizio di un presidente di alto livello”.

“Mazzocchi è arrivato a gennaio, ha firmato tre anni e mezzo di contratto, ha fatto un ottimo girone di ritorno, ci sono pervenute delle richieste e noi abbiamo adeguato il contratto. Noi non vogliamo mandarlo via. Al momento non ha accettato. Ad ora vi assicuro che non ci sono acquirenti. Ha un risentimento muscolare e domani non gioca. Io li difenderò sempre con il coltello tra i denti”.

LE VOCI SULLE ‘PROMESSE’ AL CALCIATORE DA PARTE DELL’EX DIRETTORE 

“Non parlerò mai di ciò che esulta dalla mia sfera di competenza. Io ho parlato con Walter Sabatini, non tocca a me parlare di un dirigente di questo livello. Io ci sto mettendo l’anima per questo club, per crescere, per dare una mano. Su Mazzocchi sono stato chiarissimo: vogliamo tenerlo e c’è una offerta. Domani non giocherà per un problema muscolare. Ha avuto un risentimento agli adduttori e si è fermato”.

LE PAROLE DI NICOLA E LA RICHIESTA DI RINFORZI ‘PRESTO’

“Nicola sappia che io prendo atto di tutto e che conosco perfettamente le sue esigenze. C’è piena consapevolezza di ciò che serve e di cosa rischiamo nelle primissime giornate. E non è mica detto che andrà male per forza, magari tireremo fuori una forza che non pensiamo nemmeno di avere. Lui deve stare tranquillo. Sa quello che abbiamo fatto e sa cosa faremo nei prossimi giorni. Non mi faccio prendere dall’ansia. Ogni tanto succede che, per carattere e per il ruolo che ricopriamo, si possa esprimere un determinato concetto. Andatevi a leggere la mia tesi al corso di direttore sportivo, si chiama “Moriremo insieme” ed è riferita alla necessità di collaborare al massimo con lo staff tecnico”.

IL RAPPORTO CON NICOLA E LA PRESSIONI DELLA PIAZZA DI SALERNO

“Con il Mister ci parlo tutti i giorni. Il mio messaggio è questo: un direttore sportivo responsabile capisce con che tipo di giocatori affronterà la partita di domani, così come quella con la Roma e forse con l’Udinese, e so quale livello massimo possiamo raggiungere. Siamo completamente allineati, ve lo posso assicurare. Ritengo, però, che chi abbiamo a disposizione ci possa permettere di fare bella figura con il Parma. Domani scenderemo in campo e siamo nelle condizioni di fare una prestazione di spessore. Io ci metterò sempre la faccia, da persona seria e coerente”.

“Spesso mi hanno detto che Salerno è una piazza difficile, mi chiedo: “Che vuol dire?”. Io sono stato al Napoli, alla Roma, al Galatasaray. La gente vedrà una squadra che si aggrapperà al risultato con le unghie e con i denti, il sol pensiero mi emoziona. Ma lo sapete cosa vuol dire giocare all’Arechi? La mia vita sportiva e calcistica è cambiata in positivo proprio in questi ambienti…difficili. Perchè sono i più belli. Sentire la pressione di Salerno è fantastica, trasformiamola in energia positiva. Non dobbiamo aver paura di nulla”.

LA TRATTATIVA CON PIANTEK E GLI SLOT EXTRACOMUNITARI

“No è sfumata, potrebbe essere un nome ancora appetibile per la Salernitana”. Noi siamo chiari con tutti e i diretti interessati sanno che andranno via. Qualcuno scenderà in campo anche domani e non è detto non ci diano spunti di riflessione per una eventuale riconferma. Si stanno comportando benissimo, sono professionisti di un certo livello che potrebbero restare in rosa. Un paio, ovviamente, non di più”.

“Fare uscire i calciatori e farli uscire alle nostre condizioni è un valore assoluto per il club, ma Iervolino ha garantito l’impegno per coprire eventualmente qualche costo. Vi dò un’anticipazione: la regola sugli extracomunitari sta cambiando. Ad oggi potremmo far entrare un extracomunitario soltanto in prestito, in virtù della partenza di Mikael. Ma a breve la formula del trasferimento sarà indifferente. E questo potrebbe cambiare la nostra strategia e riaprire qualche vecchio discorso”.

SUGLI ALTRI NOMI CIRCOLATI IN MEDIANA: DJURICIC E YAZICI

“La base di quest’anno sarà il 3-5-2, il giocatore che arriverà sostanzialmente saprà fare le due fasi e darà spinta offensiva al centrocampo. Djuricic e Yazici sono numeri 10, non mezzali. Sono riflessioni che stiamo facendo con il mister. Al momento Nicola non mi ha parlato di una difesa a quattro, non avrebbe problemi perché è preparatissimo e non è un integralista. Fossero arrivati, avremmo potuto fare il 3-4-1-2 come accaduto l’anno scorso con Verdi”.

21 Commenti

Clicca qui per commentare

  • A testa alta ma a braghe abbassate! Comunque avete sentito? Si giudica a fine campionato! Cioè voi polli cacciate i soldi, 4a giornata zero punti e continuate a cacciare i soldi e zitti, fino all’ultima giornata. Tanto a fine campionato i soldi li avete spesi, poi se parlate si fa assai. E pensare che ritenevo impossibile far ridere più dell’anno scorso e invece. Manco un euro vedete da me, dai polli d’abbonamento non [email protected]

  • Vorrei dire a questo ds, che Cavani, Platek sono nomi che ha messo Iervolino da Collodi, quindi nun fa sul Tarantell e barzellett come il tuo presidente! Comunque Mister Nicola ha messo a nudo le pecche di questa squadra di Mediocri, quindi non lo diciamo solo noi!

  • Si dice avere la faccia come Il C….!!! Sedere al tavolo delle grandi ma non arrivano nemmeno le briciole..con 20 milioni cosa ci fai in serie A!??? La squadra ad oggi è totalmente inadeguata al campionato di serie A…il centrocampo fa ridere per non parlare della difesa .le aspettative erano altre a detta del signor Iervolino..e non aspettare il 31 agosto..o addirittura il mercato di gennaio per pigliare i calciatori!!

  • Bravo, sit buon sul a Tavola, con antipasto di tarantelle, primo barzellette, secondo macchiett, frutta pinocchiate e dolce mediocrità! Ecco servito, mo può magna’!

  • Quante palle…una cosa sola puoi fare, è dimetterti. Società ridicola, stesso livello di Lotito. Sta conferenza è a livello di Fabiani. La squadra è un aborto ed è preoccupante la mancanza di umiltà e la velocità con cui si rimangiano la parola. Cravattino rosa si prepari alla contestazione.

  • Questo ha già messo le mani avanti. Perché scommettere su giovani promesse qui bisogna salvarsi a Maggio non tra qualche anno.

  • Nell’intervista, De Sanctis non ha rivelato il dictat della dirigenza che, leggendo fra le righe, sembra sia stato
    “Comprare giocatori “forti” al prezzo più basso possibile e senza intermediazioni!”
    Allora succede di contattare i procuratori di giocatori “forti” e proporre la metà del prezzo di richiesto della società venditrice, compreso il costo dell’ intermediazione. Solo questo è il principale motivo dei flop ripetuti.
    Spesi 20 milioni e incassati 21 = +1….dov’è il rischio d’impresa? Rischia di più chi si abbona, come me!!
    Visto poi che la dirigenza intenderebbe rimediare in corso d’opera , se mai nel mercato invernale, siamo sicuri di vincere entro novembre le 6 sfide in casa contro le nostre dirette concorrenti alla salvezza che disputeremo con la squadra attuale, visto soprattutto gli infortunati lungodegenti? I giocatori che ancora bisogna prendere, centrale, 2 centrocampisti, la punta centrale… arriverebbero a fine agosto o addirittura a gennaio 2023 in piena forma e pronti o sarebbero pronti a marzo 2023, visto che sarebbero ai margini delle loro società?
    La sofferenza che dicevano sarebbe finita pare esserci solo per i tifosi in primis e per un Nicola zittito, tanto De Sanctis e soci…. affermano di non essere ansiosi.
    Sono profondamente insoddisfatto della strategia. Mi viene a mente Binotto!! La Dea Fortuna ci guardi!

  • lasciate in pace la società!! fossi in loro me ne sarei già andato!! non evolverete mai!!!! ps mi dite quanti nomi affermati (campioni per capirci) sono venuti in passato a salerno?!? solo poterci accostare a calciatori di fama mondiale dovrebbe essere un’orgoglio!! e cmq prima ci si abbonava per la maglia, ora ve la volete vedere in tv e criticare solo!!!!!!!!!

  • Caro De Santis ci complimentiamo per la sua tesi che ha voluto ricordare nel corso della conferenza odierna ma qui non “moriremo insieme” perché chi morirà sarà solo la Salernitana e i suoi tifosi, retrocedendo Lei ovviamente prenderà altre strade fregandosene del flop professionale.

  • I giornalai salernitani una domanda gli avrebbero dovuto fare a De Sanctis, i calciatori di un certo livello che oggi rifiutano… potranno mai venire il 31 agosto che saremo probabilmente a zero punti in classifica???e poi anche Nicola ha detto che non vuole i rinforzi il 31 agosto…..

  • Massima fiducia alla società e spero che riusciamo a fare dei punti nelle prime quattro giornate entro agosto. Però, noi dobbiamo salvarci e non possiamo permetterci di partire giocando 4 partite in meno specialmente se abbiamo dei potenziali scontri diretti come con la Sampdoria.
    Quindi, ok la fiducia ma… non era il caso di tenersi un altro anno Sabatini?
    Credo che il ds De Sanctis sia ancora acerbo per poter chiudere contratti importanti, etc.
    Speriamo bene e Forza Salernitana!

  • Il DS parla di 20 milioni di uscite, ma tra diritti TV ,abbonamenti e calciatori venduti , non è entrato anche qualcosina ? Giusto per capire.

  • Ha speso 20 milioni, ma quanti ne ha incassati? Acquistati 8 giocatori, chi? Se l’allenatore dice che la squadra non è competitiva un motivo ci sarà ed è sotto gli occhi di tutti. Poi, Lovato rotto, Bradaric rotto, Sambia mezzo rotto, Giomberg mezzo rotto, Radovanovic mezzo rotto, Mazzocchi non si sa che pesce sia, ma chi cazzo gioca? Venditori di bla bla bla bla bla, vergognatevi, giocate con i sogni e la passione di un popolo….. Non sono bastate le figure di merda dell’anno scorso. Ora sto scienziato di manager lascia intendere che le prime 4 partite si possono pure perdere in attesa della conclusione del mercato, tanto poi si può rimediare a gennaio…. Povero Sabatini, LEGGENDA, dove cazzo eri finito, meno male sei andato via, tu si che ti sei salvato

  • Ma cosa c’entra il passato?? O i calciatori che sono venuti prima .?.ci dobbiamo salvare questa anno….ma puoi fare la serie A con iarosiski, cavion, Kristofferson, capezzi , Sy , boultan ecc ecc…? A centrocampo abbiamo solo due giocatori di serie A ..lassana e Bohinen e poi?? Ma le parole di Nicola le hai sentite?????

  • Conferenza ai limiti dell’imbarazzante. Spesi 20 milioni: ma se solo 6 erano per il bidone Simy, 3 per il Mikael, altri 3 per M. Coulibaly (tutte cose preventivate), significa che al momento hanno speso poco più di 8 milioni, che è un budget da squadra di serie C. Iervolino ha parlato tanto, ma al momento non ha mantenuto nessuna promessa e quando si tratta di fare il finto tonto manda avanti De Sanctis, che tanto sa già che è venuto a fare il parafulmine (se c’erano davvero i soldi e piani sarebbe venuto Bigon). Squadra ampiamente incompleta mancano almeno 4 titolari, e bisogna vedere sto Bradaric che al Lille era una riserva. Il fatto che si continui a dare la colpa alla piazza o alla stampa è ridicolo, diciamo la verità Iervolino ha i soldi del monopoli. D’altronde sappiamo bene la Salernitana quanto l’ha pagata, è una spesa irrisoria se veramente hai potere economico e vuoi fare un investimento. Squadra più forte dell’anno scorso, ma dove? Al momento a centrocampo abbiamo perso il migliore che c’era, in difesa eravamo molto scarsi e scarsi siamo rimasti, e in attacco abbiamo Bonazzoli che oggettivamente non è sempre continuo e due scommesse che se falliscono ci lasciano scoperti. De Sanctis è sicuro che questi svincolati presi sono meglio dei vari Verdi, Djuric, Mazzocchi (che partirà) etc.? Altra cosa era logico occupare per una scommessa come Valencia lo slot di extracomunitario? Non era meglio prenderne uno forte e poi se la regola cambiava prendevamo questa scommessa?

  • caro Direttore e carissimo Iervolino noi ci dobbiamo salvare i punti si devono fare subito non possiamo permetterci il lusso di regalare giornate di campionato agli avversari la squadra andava rinforzata da subito senza perdere tempo, in serie A non puoi improvvisare devi essere pronto gia’ da subito perche’ nessuno ti aspetta o ti regala qualcosa

  • Questa squadra altro che la sorpresa del campionato fare ridere in tutti reparti comunque come stiamo messi si dritti dritti in serie B

  • Caro Ds le ho già scritto sul video postato su YouTube che i 20 milioni li fa sembrare come se qualcuno li avesse cacciati di tasca propria , invece sono i proventi della cessione di Ederson , il cui sostituto non lo avete ancora trovato ed essendo uno giovane promettente ( infatti ieri ha segnato per l’atalanta , perché non lo avete trattenuto? Servivano i soldi per fare mercato? Se proprio si doveva vendere, non lo si poteva vendere a fine mercato, in modo da avere prima il sostituto? Il cartellino di Lovato è costato 7 milioni, il presidente non poteva cacciarli e comprarlo direttamente senza vendere Enderson? Lei ha detto che puntate su giovani di prospettiva , ed Ederson che è uno dei più promettenti ,perché non trattenerlo o dovevamo fare il piacere all’ Atalanta? Non siete stati capaci nemmeno di strappare il prestito dalla Juve di Rovella, gli togliete solo le patate bollenti comprando kastanos .Il problema di giudicare alla fine , ha ragione solo in parte, perché se nelle prime 10 partite ci farà soffrire , non va bene .

  • “A tavola a testa alta….” che presunzione di questo professore!
    Ma si rende conto che con questa squadra non vi fanno sedere neanche alla mensa della Caritas…

  • Salernonotizie, avete un pubblico di promesse del calcio: tra ds, allenatori e presidenti si potrebbe fare una salernitana per ogni commentatore.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.