I presidi bocciano le linee guida per il rientro a scuola: ecco perché

Stampa
Le nuove linee guida che disciplinano la gestione della pandemia da Covid-19 nelle scuole non piacciono ai presidi italiani: in molti passaggi non offrono “indicazioni percorribili” e sono “molto generiche”, ha detto il presidente dell’Associazione nazionale presidi di Roma, Mario Rusconi

Il documento prevede che, se a settembre la situazione sanitaria non peggiorerà, soltanto il personale scolastico e gli alunni “a rischio” dovranno indossare le mascherine protettive. “Ma chi individua queste categorie a rischio?”, si chiede Rusconi

E ancora, in caso di recrudescenza della pandemia, le linee guida raccomandano il distanziamento interpersonale di un metro tra gli studenti in classe. Sempre Rusconi evidenzia come “dopo quasi tre anni di epidemia ancora non ci si rende conto che parecchi studenti sono stati obbligati alla didattica a distanza perché molto aule non permettevano il distanziamento. La situazione in gran parte è rimasta immutata”

Molto poco, secondo Anp-Roma, è stato fatto dagli enti locali, proprietari degli edifici scolastici, per individuare nuovi spazi adeguati dove svolgere le lezioni oppure per adattare con impianti di aerazione idonei le strutture già esistenti

Antonello Giannelli, presidente nazionale dell’Anp, parla della mancata novità della “ventilazione forzata”, ipotesi tramontata “ perché sarebbero servite ingentissime risorse economiche”. In questo quadro, quindi, “queste linee guida raccomandano ciò che già sappiamo”

E sempre riguardo l’aerazione nelle aule, per la presidente dell’Associazione nazionale dirigenti scolastici Paola Bortoletto “ci potrebbero essere altre soluzioni oltre le finestre aperte. Non è che si può fare tutto in un mese e mezzo, ma se mai si comincia. La tecnologia ci fornisce tante possibilità, ma ci sono dei costi e bisogna darli questi denari

Bortoletto sottolinea però un aspetto positivo del documento: non si parla di tracciamento e questo  per i presidi è “un grosso sollievo

Mancano ancora però “le linee guida per i più piccoli”, quelle per i bambini sotto i sei anni. “Speriamo arrivino presto”, si augura Bortoletto

Scarsa soddisfazione in generale anche da parte di Attilio Fratta, presidente nazionale di Dirigentiscuola, per cui le linee guida “non dicono niente di nuovo. Abbiamo le migliori leggi e le peggiori scuole. Si è fatto pochissimo e tra il dire e il fare solo tante chiacchiere

Niente, lamentano i presidi, è poi stato fatto sul fronte del trasporto pubblico, per agevolare gli spostamenti degli alunni

Commenta

Clicca qui per commentare

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.