Salerno, poliziotto penitenziario salva la vita ad una donna con la manovra di Heimlich

Stampa
Un poliziotto penitenziario originario di Salerno ha salvato la vita ad una donna effettuando la manovra di Heimlich, mentre era libero dal servizio. Il poliziotto presta servizio a Milano. Era tra i commensali di un pranzo ferragostano in provincia di Salerno e si è subito accorto che una donna, presente nel locale, stava soffocando dopo un boccone di traverso. È tempestivamente intervenuto, praticando la manovra di Heimlich e salvandole la vita. Protagonista un agente scelto di Polizia Penitenziaria, Donato Bramante, in servizio presso l’Istituto penale per minorenni di Milano, per il quale il segretario generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria, Donato Capece, chiede ora ai vertici del Dipartimento della Giustizia minorile e di Comunità una adeguata ricompensa al merito civile.

Fonte Occhio di Salerno

Commenta

Clicca qui per commentare

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.