Salernitana-Milan, rabbia tifosi sui social: “Vergognoso giocare di mercoledì alle 12.30”

Stampa
La Lega di Serie A ha reso noto, nella giornata di ieri, il calendario completo degli orari e delle date di disputa delle giornate di campionato comprese tra la sesta e la sedicesima del girone di andata.

E subito è esplosa la rabbia dei tifosi granata sui social. Sott’accusa, in particolare, l’anticipo di mercoledì 4 gennaio 2023, quando la Salernitana all’Arechi ospiterà il Milan in un orario a dir poco penalizzante: le 12.30 di una giornata lavorativa.

Già le partite alle 18:30 nei giorni infrasettimanali sono una bestemmia, quelle alle 12:30 è chiaramente un vogliamo ancora più gente davanti alla TV (per chi non lavora..) meno gente allo stadio.. le società dovrebbero intervenire adesso e non fra 4 mesi. Così significa anche meno incasso per la Salernitana“.

E ancora: “Vergogna! Spero che la società si faccia sentire e faccia rispettare i propri tifosi, soprattutto chi ha sottoscritto un abbonamento!!!“.

9 Commenti

Clicca qui per commentare

  • Semplicemente scandaloso!!!!!!
    Presidente si faccia sentire immediatamente in Lega.
    È una partita da sold out in tutti i settori.
    E chi lavora deve prendere ferie per vederla?

  • Lamentele inutili. Sapete da anni come funziona questo calcio, decidono le televisioni, da cui arravano più soldi, rispetto agli incassi dello stadio. Questa è la situazione del calcio, se non vi sta bene, non vi fate l’abbonamento. Quando avete sottoscritto gli abbonamenti sapevate come funziona, quindi non potete recriminare. Dite che per la salernitana fate sacrifici, e fateli. Se per voi il calcio è tanto importante, perdete un giorno di ferie per il calcio. È una fede, si fanno i sacrifici per chi “ama” il calcio e la salernitana. Vi vantate di essere super tifosi, che si fanno sacrifici, e allora muti e tutti allo stadio. Polemiche futili.

  • Purtroppo a malincuore si stanno avverando le ipotesi più nere. Fare solo abbonamenti per le pay tv e stare a casa a sorbirci pubblicità!

  • C’è un solo modo per interrompere il concorso in truffa che viene perpetrato dalla lega calcio e dalle TV, o streaming che sia, ai danni degli appassionati: disdetta immediata degli abbonamenti!!! In tal modo si potrà assistere ad un calcio non drogato!!

  • Poi si lamentano che le persone non fanno gli abbonamenti… Io l’ho fatto e ora cosa dovrei richiedere il rimborso della partita a cui fanno di tutto per non farmela seguire?

  • Come la giustifichi la giornata di “ferie”? Partita della Salernitana? Non esiste questa dicitura. Oppure volevi dire giorno di malattia. Ma per prenderti il giorno di malattia devi sentirti poco bene, altrimenti sarebbe una truffa non trovi? Magari ai tuoi tempi si utilizzava questo “escamotage” per fare i propri comodi. Molti di noi non possono prendersi i giorni liberi a scelta. Sarai sicuramente pensionato se parli così. Il lavoro dai tuoi tempi e cambiato (in peggio) anche per certi atteggiamenti che si avevano. Ad esempio per persone che si davano malate e non lavoravano… chissà chissà

  • I tifosi sui social hanno ragione sul fatto che spingono la gente a guardare la partita in tv e non allo stadio per puro e mero interesse degli incassi tv che sono più alti dello stadio, in effetti non riesco a capacitarmi come uno che tifa la Salernitana e vive negli angoli più estremi e disparati della provincia soprattutto nella parte sud si debba svegliare alle 4 o alle 5 per mettersi in viaggio verso Salerno massimo per le 6 e arrivare allo stadio per le 9 massimo per trovare parcheggio il più vicino possibile perché farsi km e km con il freddo ed eventualmente con la pioggia è angosciante e perché giustamente la società invita ai tifosi ad anticiparsi per velocizzare le operazioni di controllo che sono lunghe e stare fermi in piedi col freddo non è bello. Anche se però se siamo arrivati a metterla a giocare alle 12:30 è perché Lega e Salernitana sanno che a Salerno in quel periodo ci sono le Luci d’Artista e che quindi c’è un ulteriore problema di ordine pubblico dettato che se la partita si metteva anche alle 14:30 il deflusso è molto lungo e farraginoso per colpa di Comune, Prefettura e Questura e come finiva la partita (16:30) tramontava il sole iniziavano ad arrivare i primi visitatori verso il maxi parcheggio dell’Arechi da dove partono le navette per il centro (parcheggio essenziale e navette e fermata Arechi metro essenziali per evitare di decongestionare il centro già pieno di cittadini e lavoratori anche pedonali). Con la partita alle 12:30, considerando il deflusso post partita si arriva giusto giusto alle 16:30 a liberare la zona dell’Arechi dai tifosi per far spazio ai visitatori. Non ne parliamo nemmeno cosa avrebbe significato giocare di sera in quel periodo

  • Ma questi non erano quelli che amavano il calcio per cui hanno attaccato la SuperLega, e sono sempre gli stessi che hanno voluto un mondiale a dicembre spezzando in due campionati e Champion. Sono solo dei volgari affaristi e buffoni per i quali il calcio e i tifosi sono solo bancomat

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.