Positano: alla Pinacoteca comanale Vicente Hernandez in mostra

Stampa

Sabato 1 ottobre, alle ore 18:30 presso la Pinacoteca Comunale, sarà inaugurata la mostra VICENTE HERNÁNDEZ. Argonaut in Positano. L’esposizione promossa dal Comune di Positano  e dall’Associazione Positano Arte e Cultura, in collaborazione con il Museo-FRaC Baronissi.

Curata da Massimo Bignardi, la mostra propone i dipinti, in gran parte olio su tela, realizzati dall’artista cubano Vicente Hernández in occasione dei soggiorni in Italia e in particolare a Positano, ove nel settembre del 2019, ospite di Enzo Esposito.

 “I luoghi di Positano, i suoi suggestivi angoli di vita che scivolano nel mare,  si vestono di una nuova luce  – osserva Giuseppe Guida sindaco di Positano – ricongiungendo il fantastico immaginario caraibico, con la nostra visione del paesaggio. Le sue sono immagini che aprono ad un nuovo orizzonte, ossia un nuovo modo di proporre il paesaggio di Positano e della Costa d’Amalfi, con accenti propri della contemporaneità”.

“Hernández – scrive Bignardi nel catalogo pubblicato da Gutenberg Editore ora anche in edizioni in inglese  –  è un giovane pittore cubano, originario di Batabanó, un ‘pueblo pequeño’ sulla costa meridionale dell’Avana. Un pittore nel vero senso della parola, aperto a linguaggi attuali; una pittura, la sua, che affonda le radici nella cultura artistica caraibica, nell’amalgama di una figurazione sorretta sia da una sorta di realismo – sarei propenso ad accogliere il termine iperrealista, tenendolo, però, a bada dalla pittura statunitense dei primi anni settanta -, reso dalla visione accorta a non tralasciare i dettagli anche i più ingenui della narrazione, che lo sguardo affida alla pittura, sia dal suo cedere ai voli della fantasia, immergendosi nel subconscio facendo spazio al simbolico, mantenendosi in quota con il reale della vita.

Certamente la sua pittura non ha alcun retaggio surrealista. Dalle piccole tele del ciclo “instantes”, realizzate tra il 2013 al 2014, nelle quali a dominare è l’assolato, vuoto scenario di città cubane, ai più recenti grandi dipinti, la sua pittura resta fedele al reale. In queste ultime, il fantastico prorompe nell’impianto compositivo, facendo largo a mongolfiere, a palloni areostatici ondeggianti come occhi sospesi su prospettive a volo d’uccello, a città tradotte in miniatura, come nella visione dei simbolisti di secondo ottocento: penso, per esempio, all’Occhio come pallone bizzarro si dirige verso l’infinito di Odilon Redon.

La città è quella dei suoi natali e, con essa, le forme delle vele che segnarono la rotta verso le “nuove indie” al nostro Colombo. Sarà poi l’immagine dello Zeppelin a prendere il sopravvento: una forma ellittica schiacciata che ruota intorno alla torre di Babele, immaginata da Breughel il Vecchio, ora spinta verso l’alto fino a perdersi nel cielo.”.

La mostra resterà aperta fino al 15 ottobre.

Commenta

Clicca qui per commentare

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.