Mons. Bellandi su restrizioni tifosi Salernitana: “Cancellare esasperazione della rivalità”

Stampa
Il Papa ci richiede questo atteggiamento di ascolto in tutti i campi e anche nei confronti dello sport che abbraccia tante persone, considerando chi lo pratica, chi lo segue, a tutte le età. Lo sport veicola tanti valori e noi dobbiamo esaltarli in modo più preciso e diffuso”. Il messaggio di Monsignor Andrea Bellandi, Arcivescovo di Salerno – Campagna – Acerno, è risuonato chiaramente martedì sera nei saloni della Colonia San Giuseppe, dove si è tenuto l’incontro con le realtà sportive cittadine.

 Una diocesi “in ascolto del mondo dello sport”, riprendendo il titolo del talk che ha visto intervenire anche don Gionatan De Marco, direttore dell’Ufficio Nazionale per la Pastorale del Tempo Libero, Turismo e Sport della CEI. All’evento, organizzato dall’Ufficio diocesano Sport e Tempo Libero, diretto da Renato Malangone, ha partecipato anche Paola Berardino, delegato provinciale Coni. “Lo sport deve raccontare storie di sorrisi”, ha detto.

C’era anche la US Salernitana 1919, con una delegazione di giocatori della Primavera e l’amministratore delegato, Maurizio Milan, che ha sottolineato ancora una volta la disponibilità e vicinanza del club granata al territorio. Presente e particolarmente attiva nel dibattito anche la cooperativa del Villaggio di Esteban, che rappresenta il cavalluccio con la “Salernitana For Special” nei campionati di calcio a sette dedicati a persone con disabilità.

Non sono mancati rappresentanti delle scuole calcio, delle realtà oratoriali (ANSPI Salerno, A Volo a Volo), degli enti di promozione sportiva (US ACLI e PGS), della pallacanestro (Virtus Arechi, Power Basket, Salerno ’92), pallavolo (P2P), scherma (presente il consigliere federale salernitano, Matteo Autuori), arti marziali (Gsk Ciro Bracciante).

 “Ai giovani dico di seguire i valori e le regole dello sport che sono ferree e di aiuto anche per lo sviluppo integrale della persona. Lo spirito di gruppo, il riconoscimento dei propri limiti sono cose che aiutano a crescere”, la chiosa di Monsignor Bellandi, che ha poi affrontato anche un argomento di stretta attualità come le ferree restrizioni alla prossima trasferta dei tifosi della Salernitana per la partita contro la Lazio:

“Ci auguriamo di poter cancellare dalla nostra esperienza questa esasperazione delle rivalità. Il discorso va fatto all’origine, sul come siamo educati a vedere una sana competizione. Se viene a mancare il riconoscimento di un rispetto di fondo, in campo come sugli spalti, diventa tutto una sorta di campo di battaglia. La nostra società a volte è conflittuale e non solo nello sport. Sembra che per farsi vedere bravi, capaci e potenti si debba schiacciare l’altro, che diventa individuo da eliminare. Tutto ciò è antitesi della vita e dei valori ai quali lo sport educa”.

 

 

Commenta

Clicca qui per commentare

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.