I Savoia rivogliono i gioielli della corona depositati in Bankitalia: “Sono i nostri”

Stampa

I Savoia chiedono i gioielli della corona. In ballo c’è un cofanetto in pelle di tre pianio protetto da 11 sigilli con diamanti, perle, collane, preziosi di ogni genere del valore di circa 300 milioni di euro, attualmente depositato presso la Banca d’Italia. Ma la famiglia reale sostiene che Umberto II lo lasciò a loro nel ’46 e per questo gli spetta “per usucapione”. Lo racconta il Fatto Quotidiano, che riporta le memorie depositate presso il Tribunale Civile di Roma, in vista dell’udienza prevista il 10 maggio 2023.

I Savoia chiedono ai giudici di portare il caso alla Consulta, ritenendo la XIII Disposizione della Carta in contrasto con i suoi stessi principi fondamentali e con i diritti sanciti dall’Ue. In ballo, si legge, oltre a un diamante rosa montato su una grande spilla e i collier di perle indossati dalla regina Margherita c’è la tiara della regina Elena, il vero pezzo forte. “Un diadema a 11 volute di brillanti, attraversato da un filo di perle orientali, che sotto ha perle incastonate e sopra gocce di brillanti: 11 perle a goccia di grani 720, 64 perle tonde del peso di grani 975, 1040 brillanti del peso di grani 1167”.

Per perorare la loro causa i Savoia citano anchei diari di Luigi Einaudi. Per l’esattezza, spiega il Fatto, “quattro pagine –dalla 656 alla 659 –dei diari di Luigi Einaudi, governatore della Banca d’Italia dell’epoca, che di lì a poco sarebbe diventato il primo presidente della Repubblica italiana. “Il Re mi riceve come al solito –si legge –e forse un po’ più serio, e mi comunica che in conseguenza degli avvenimenti egli desidera che le gioie così dette della corona non vadano immediatamente in mano ad un commissario (…) Egli desidera che esse siano depositate presso la Banca d’Italia per essere consegnate poi a chi di diritto”.  Ora bisognerà vedere cosa deciderà il Tribunale Civile di Roma, in vista dell’udienza prevista il 10 maggio 2023.

Fonte TGCom

1 Commento

Clicca qui per commentare

  • Se il loro è stato un lavoro devono risarcire i danni perchè la costituzione e l’Italia non è stata protetta dal loro lavoro, pertanto non si son guadagnati i soldi con cui si son comprati i gioielli, se poi è una eredità dei genitori vuol dire che accettano l’eredità e si fanno carico dei danni arrecati all’Italia.
    A conti fatti dobbiamo requisirgli quindi anche quello che hanno guadagnato dopo la morte dei genitori e nonni.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.