Covid, ipotesi stop tamponi dopo la quarantena per asintomatici e per chi ha sintomi lievi

Stampa
Si va verso un nuovo cambio di regole per la quarantena dei positivi al Covid-19. L’idea, ha spiegato il ministro della Salute Orazio Schillaci a margine di un evento sulle vaccinazioni al Ministero della Salute, è quello di eliminare “eventualmente anche il tampone finale”, almeno per chi è asintomatico. Negli scorsi giorni, intanto, l’Istituto Spallanzani di Roma ha inviato al governo un parere con alcune raccomandazioni che potrebbero essere a parametro per la nuova disciplina della quarantena

IL PARERE DELLO SPALLANZANI – Lo Spallanzani raccomanda un periodo di isolamento di cinque giorni per gli asintomatici e per chi – positivo – presenta soltanto sintomi lievi, senza febbre. Per questi ultimi si chiederebbe però l’accortezza però di usare la mascherina se non ci si è negativizzati dopo il quinto giorno. L’Istituto precisa subito che si tratta di raccomandazioni e non imposizioni, perché questo “è il momento della responsabilità

L’ultimo report dell’Iss parla infatti di casi di coronavirus di nuovo in aumento, soprattutto tra bambini e operatori sanitari. Tuttavia, spiega il direttore dello Spallanzani, Francesco Vaia, rispetto a prima “il virus è meno patogeno”. Per questo siamo entrati in una “fase di responsabilizzazione dei cittadini non degli obblighi

“Non possiamo più non volgere lo sguardo oltre il nostro cortile per una politica di sanità pubblica che sia in grado di proteggere sicuramente le popolazioni locali, ma con lo sguardo sempre più attento alla diffusione mondiale delle pandemie odierne e future“, precisa Vaia

GLI ASINTOMATICI – Nel parere inviato al Ministero della Salute, l’Istituto sottolinea come “in molti Paesi è stato ridotto drasticamente il periodo di isolamento per le persone risultate positive”. Proprio per questo, lo Spallanzani ritiene “che per gli asintomatici l’isolamento possa durare cinque giorni dalla positività, senza bisogno di un ulteriore test negativo

I POSITIVI CON SINTOMI LIEVI – Per quanto riguarda chi ha sintomi lievi, allo stesso modo, si pensa “che l’isolamento si possa interrompere a cinque giorni dalla comparsa dei sintomi, se senza febbre da 24 ore“. Soprattutto in questi casi è però necessario un grado in più di prudenza, alla luce del fatto che in questo momento “ci può essere sovrapposizione con l’influenza stagionale”. Opportuno quindi, dice lo Spallanzani, che “nei cinque giorni successivi, se non si ha un test negativo” si usi almeno “una mascherina, in caso di contatto con persone fragili”

I TAMPONI FAI DA TE – L’Istituto romano ha poi parlato della questione di tamponi fai da te, negli scorsi mesi indicati da molti membri del mondo della medicina come un fattore di rischio per la diffusione del virus, perché meno affidabili di quelli fatti in farmacia. “La comunità scientifica ritiene oggi gli auto test strumento accurato e idoneo a documentare la fine del contagio”, si legge nel parere

Già prima di ricevere il parere dello Spallanzani, il ministro Schillaci (in foto) aveva detto che “per quanto riguarda il possibile allentamento di misure, come l’isolamento domiciliare, le decisioni saranno adottate in base ai dati sull’andamento della pandemia che, ad oggi, sembrano migliorati ma restiamo prudenti perché la stagione fredda è appena agli inizi”

LE OPINIONI – Concorda con lo Spallanzani ad esempio il virologo Matteo Bassetti, Ordinario di Malattie infettive all’Università di Genova, che negli scorsi giorni aveva parlato della necessità di “cambiare norme non più idonee, come l’isolamento dei positivi”. Per quanto riguarda la possibilità di nuova futura ondata di Covid, Bassetti la ritiene “improbabile”. Nelle proporzioni in cui l’abbiamo conosciuta, ha detto, “non succederà più”

Anche Fabrizio Pregliasco, virologo dell’Università di Milano e direttore sanitario dell’Irccs Ospedale Galeazzi-Sant’ Ambrogio di Milano, guarda al futuro della pandemia. “Le risalite ci sono, le curve ci mostrano che ci sarà un’onda, non un’ondata, e che non sarà pesante. Ma bisogna essere preparati. E con l’influenza stagionale non sarà facile distinguere tra le due patologie”

Commenta

Clicca qui per commentare

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.