Bonus 200 euro, è possibile ripresentare domanda se è stata respinta?

Stampa
Cosa accade se si è richiesto il bonus 200 euro ma la domanda è stata respinta? La risposta la dà l’Inps, che ha pubblicato le linee guida per il “Riesame delle domande respinte

COS’È IL BONUS 200 EURO – Il bonus 200 euro è un bonus elargito una tantum, stanziato dal governo Draghi e inserito nell’ultimo Decreto aiuti per famiglie e imprese, per cercare di arginare l’aumento delle spese relative al caro bollette e all’inflazione

CHI PUÒ RICHIEDERLO – Possono ottenerlo i lavoratori dipendenti, che lo ricevono direttamente in busta paga senza dover avanzare domanda, ma anche altre tipologie, che possono fare domanda all’Inps

QUALI ALTRE CATEGORIE SONO INTERESSATE – Oltre a quelli sopracitati, sono interessati dal bonus anche i lavoratori titolari di rapporti di co.co.co; dottorandi e assegnisti di ricerca; lavoratori stagionali, a tempo determinato e intermittenti; lavoratori iscritti al Fondo pensioni lavoratori dello spettacolo; lavoratori autonomi occasionali privi di partita IVA; lavoratori incaricati alle vendite a domicilio di cui all’articolo 19 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 114

LE DOMANDE RESPINTE – Alcune richieste, che venivano valutate in modo automatico dall’Inps, hanno ricevuto risposta negativa. Ora l’Inps ha dato indicazioni su come ripresentare la richiesta se si ritiene di essere stati ingiustamente esclusi dal diritto di ricevere i 200 euro

LA COMUNICAZIONE INPS – Come ha comunicato l’Inps, “a seguito del completamento della prima fase di gestione centralizzata delle domande, si forniscono le istruzioni per la presentazione delle istanze di eventuali riesami da parte dei richiedenti, le cui domande sono state respinte per non avere superato i controlli inerenti all’accertamento dei requisiti normativamente previsti, nonché le indicazioni per la gestione dei medesimi”

QUANDO AVANZARE IL RIESAME – Sempre l’Inps comunica che “il termine, da ritenersi non perentorio, per proporre istanza di riesame è di 90 giorni decorrenti dalla data di pubblicazione del presente messaggio (30 novembre 2022), ovvero dalla conoscenza della reiezione se successiva, al fine di consentire l’eventuale supplemento di istruttoria, anche mediante produzione da parte dell’interessato della documentazione utile”. Perciò c’è tempo fino a fine febbraio 2023

COME FARE – L’utente può presentare richiesta di riesame accedendo alla stessa sezione del sito Inps in cui è stata presentata la domanda, alla voce “Indennità una tantum 200 euro”. Per le domande nello stato “Respinta” è disponibile la lista dei motivi di reiezione, compreso il tasto “Chiedi riesame”, che consente di inserire la motivazione della richiesta e, attraverso la funzione “Allega documentazione”, i documenti previsti per il riesame

Commenta

Clicca qui per commentare

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.