Caro Natale, per il cibo quest’anno gli italiani spenderanno molto di più

Stampa
Sarà un Natale più costoso del solito quello che attende i consumatori italiani, chiamati a fare i conti con forti aumenti su tutti i prodotti legati alle festività di fine anno. A lanciare l’allarme sono Codacons e Assoutenti, che hanno messo a confronto i prezzi dei prodotti nel 2021 con quelli attuali. “Imbandire le tavole quest’anno consterà agli italiani 340 milioni di euro in più”, denuncia Assoutenti

PANETTONI E PANDORI – La prima brutta sorpresa arriva sul fronte di pandori e panettoni. Secondo il Codacons, per quelli industriali si registrano aumenti in media del +37%, con punte per alcune marche del +59%

AUMENTI NELL’ORDINE DI MILIONI – Visto che il mercato italiano di panettoni e pandori vale circa 700 milioni di euro annui, “per quasi 100 mila tonnellate di dolci natalizi prodotti dai grandi soggetti industriali, a parità di consumi gli aumenti di questi due prodotti potrebbero valere complessivamente 260 milioni di euro“, calcola il Codacons

L’ALBERO DI NATALE – La lista dei rincari redatta dal Codacons è lunga e interessa anche il classico albero di Natale: “Mettendo a confronto i prezzi del 2021 di alcuni alberi sintetici venduti dalle principali catene commerciali, si scopre che quegli stessi prodotti sono oggi in commercio presso i medesimi punti vendita con aumenti attorno al +40%”

LUCI E PALLINE – Stesso discorso per luci e catene luminose, “che registrano incrementi medi del 25%, e per le classiche palline e decorazioni per l’albero di Natale, i cui prezzi salgono mediamente del 20%“, afferma l’associazione

UN NATALE PIÙ CARO – “Il Natale 2022 sarà all’insegna dei rincari, e addobbare l’albero e decorare le case costerà sensibilmente di più rispetto agli anni passati. Il caro-energia e la guerra in Ucraina, però, c’entrano poco: sui prezzi al dettaglio di alcuni prodotti pesano in modo evidente le speculazioni”, denuncia il presidente del Codacons Carlo Rienzi

LA NECESSITÀ DI UN INTERVENTO DELLA GDF – “Per quanto riguarda i beni non alimentari, non tutti i beni natalizi sono di nuova produzione: i grandi esercizi rimettono infatti in commercio alberi e decorazioni natalizie degli scorsi anni, beni acquistati in grandi stock che non risentono dei maggiori costi di produzione e i cui prezzi non sono in alcun modo influenzati dalla crisi energetica. Crediamo la Guardia di Finanza debba intervenire con indagini su tutto il territorio”, sostiene Rienzi

LA STIMA DI ASSOUTENTI – Secondo Assoutenti, “imbandire le tavole in occasione del Natale costerà quest’anno agli italiani, a parità di consumi, 340 milioni di euro in più rispetto allo scorso anno. Ma già 3 famiglie su 10 sono pronte a tagliare la spesa legata alle feste per far fronte agli abnormi incrementi dei prezzi al dettaglio”

I RINCARI – Secondo Assoutenti, “rispetto allo scorso Natale si spende oggi il 10,5% in più per la carne, il 10% in più per il pesce, il 21,6% in più per le uova, il 41,7% in più per il burro, il 52,3% in più per l’olio di semi. Lo zucchero sale del 49%, la verdura del 15,2%, l’acqua minerale del 15,5%. Costerà di più anche brindare per il nuovo anno: il vino sale del 6%, i liquori del 5,3%, la birra del 10,3%. Forti aumenti anche per il latte, i formaggi (+16,8%), il riso (+35,3%), farina e cereali (+23,5%), il pane (+15,9%) e la pasta (+21,3%)”

LE SCELTE DEL GOVERNO NON AIUTANO – Per l’associazione, “sono rincari che, a parità di consumi, faranno salire di circa 340 milioni di euro la spesa degli italiani per pranzo e cenone di Natale, portando il costo complessivo degli acquisti a superare quota 2,8 miliardi di euro”. “L’emergenza prezzi si abbatte anche sul Natale e rischia di portare ad una sensibile riduzione dei consumi da parte dei cittadini: le recenti scelte del Governo non sembrano andare nella direzione di difendere il potere d’acquisto delle famiglie”, avvisa il presidente Furio Truzzi

Commenta

Clicca qui per commentare

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.