Carceri: a Salerno la Commissione trasparenza. Segnalato sovraffollamento, attese lunghe per ‘specialistiche’

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
carcere_salerno“Il sovraffollamento accentua le gravi carenze dei minimi livelli assistenziali sanitari. Lunghe attese per le visite specialistiche”. E’ quanto è emerso dalla quarta tappa effettuata nel carcere salernitano di Fuorni, a Salerno, dalla Commissione Trasparenza e Controllo Atti nell’ambito dell’iniziativa di verifica dei livelli di assistenza sanitaria nelle carceri campane. Con Nicola Caputo presidente della commissione hanno preso parte alla visita i consiglieri regionali Dario Barbirotti, Gianfranco Valiante, Enrico Fabozzi e Adriana Tocco, garante delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale.

Ad accompagnare i consiglieri regionali della commissione Trasparenza oltre al direttore dell’istituto penitenziario Alfredo Stendardo c’erano il responsabile medicina penitenziaria dell’Asl Sa Adamo Maiese, il direttore sanitario del carcere Giovanni Di Cunzolo e il responsabile Opg Antonio Pagano. ”La struttura, la cui progettazione risale agli anni cinquanta ospita circa 500 detenuti di cui 60 sono donne, potrebbe ospitarne massimo 280, fino ad otto persone stipati in una cella di pochi metri quadrati”, si legge in una nota nella quale si dice che a fronte di una situazione di sovraffollamento sono ”solo 5 medici, un dirigente sanitario con un contratto di solo tre ore giornaliere, un responsabile Sert e sette infermieri per una popolazione carceraria che richiederebbe almeno il doppio degli operatori”.

Per la commissione anche la polizia penitenziaria è sottorganico. ”In particolare abbiamo registrato criticità per le visite specialiste di cui i ristretti hanno più urgenza, urologia e ortopedia ma anche quelle cardiologiche, tempi lunghi anche per una visita ginecologica. Nella struttura manca un reparto di primo soccorso e un centro diagnostico terapeutico, esiste un reparto superamento Opg ma non viene aperto e reso fruibile per mancanza di risorse e personale. Come per le altre strutture carcerarie che abbiamo visitato ci sono problemi per l’approvvigionamento di alcune tipologie di farmaci”, prosegue la nota.

(Fonte ANSA)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.