Il caso della Metro di Salerno finisce sul TG5, “20 anni per costruirla, 50 mln di euro spesi ma da martedì rischia la chiusura”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
8
Stampa
Metropolitana_Salerno_viaggio_inaugurale_20“Per costruirla ci sono voluti 20 anni, la bellezza di 50 milioni di euro. Funziona da appena 5 mesi ma adesso, dalla prossima settimana rischia di chiudere”. Inizia così il servizio mandato in onda nel TG5 che include nel telegiornale nazionale la vicenda della Metropolitana di Salerno. Lo scontro politico in atto non sembra avere una via d’uscita e misura la distanza tra Comune di Salerno e Regione Campania ma anche tra due visioni opposte della situazione: da un lato l’amministrazione comunale che parla di servizio che fa parte della rete della metropolitana regionale, dall’altro Palazzo S.Lucia che bolla la metro come ferrovia di Salerno, quindi alla stregua di un trenino urbano e niente più.

Delinquenza politica è l’espressione forte utilizzata dal sindaco di Salerno Vincenzo De Luca contro l’atteggiamento assunto dalla Regione Campania, che a suo giudizio dovrebbe semplicemente comunicare a Trenitalia l’inserimento della metro di Salerno nel contratto di servizio. RACCOLTA FIRME PER UNA PETIZIONE POPOLARE. Domenica e lunedì sarà possibile sottoscrivere una petizione che sarà successivamente inviata al Ministro per le Infrastrutture, alla Regione Campania ed all’assessorato competente, alla Provincia ed al Comune di Salerno, in tutte le stazioni della metropolitana o recandosi agli stand che saranno allestiti sabato in Corso Vittorio Emanuele, traversa di Via Velia, e domenica in Piazza Cavour, sul Lungomare cittadino, dalle 9.30 alle 20.00. Questa raccolta firme è stata promossa da CGIL , Legambiente ed Associazione “Noi per Salerno”. Quest’ultima cura anche il coordinamento organizzativo dell’iniziativa.  Negli stand saranno presenti volontari di Noi per Salerno nonché delle seguenti associazioni cittadine: “Le ali della libertà”, “Erchemperto”,“Salerno attiva – Activa civitas”, “Salerno cantieri&architettura”, “Musikattiva”, “Osservatorio est oriente”, “Associazione sportiva GSK Karate”, “Cooperativa Sociale Il Villaggio di Esteban”, “Cooperativa sociale Fili d’Erba”, “Cooperativa sociale Verde Pino” e le associazioni studentesche “Uds”, “Link” ed “Udu”.

CLICCA E GUARDA IL SERVIZIO MANDATO IN ONDA SUL TG 5

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.