Capaccio, Convegno sulla Legalità: “Esistono due leggi, quelle dello Stato e quelle dell’amore”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
legalitàCosa significa parlare oggi di legalità ai giovani? Hanno provato a rispondere i relatori del service Lions “Educare alla legalità e alla convivenza civile”, svoltosi ieri mattina nell’aula magna del liceo “Piranesi” di Capaccio. Dopo i saluti del presidente del Lions Club Paestum, promotore dell’evento insieme al Leo Club, dott. Enrico Bellelli, del dirigente scolastico dott.ssa Loredana Nicoletti, e dell’assessore alle politiche sociali, dott.ssa Rossana Barretta, l’argomento del convegno viene introdotto dall’avv. Giangerardo Miranda, organizzatore insieme agli avvocati Giuseppe Scorza, Michele Gallo e Stefania Nobili. La parola passa quindi ai relatori e, come primo di essi, al responsabile distrettuale del tema di studio, l’avv. Francesco Palmieri: -“ Sub lege libertas” – esordisce lo studioso forense di Napoli – veniva usata dai romani per ricordare che la legge è la premessa alla libertà.”

“Legalità deriva da lex, e lex ha la stessa radice del verbo ligare, che significa tenere stretto – dice infatti l’avv. prof. Arnaldo Miglino dell’università “La Sapienza” di Roma– la legge ci limita ma ci permette di convivere. Se questo è stato detto da tanti filosofi, io aggiungo anche: le regole ci permettono anche il godimento, per esempio quello che può derivare dall’assistere a un gioco come il calcio. Se non ci fossero le regole non ci sarebbe neppure il calcio.”

E continua: “Ma allora per rispettare le regole bisogna per forza conoscerle tutte? Una volta in Islanda mi trovai a un incrocio senza semafori e vidi che tutte le auto erano ferme. Cos’era successo? Sul marciapiede c’era un gatto che sembrava voler attraversare la strada. Quando ebbe dato segno di rinunciare e avviarsi definitivamente altrove, le auto ripresero il cammino. E’ questa la norma che è in noi indipendentemente dalle leggi dello stato e che ci permette di rispettare le regole senza doverle conoscere come esperti giuristi: il rispetto per l’altro.”

Il dott. Francesco Rotondo, sostituto procuratore della Repubblica al tribunale di Salerno, ricorda invece che non tutte le regole possono essere giuste: “In Italia sono state fatte le leggi razziali. Diceva Hegel: “anche un cane capisce il senso del bastone”. Questo significa che non bisogna rispettare la legge per paura della punizione, ma per un’adesione spontanea ad un modello di legalità”. Le conclusioni dei lavori vengono affidate al cav. Bruno Cavaliere. La sintesi compiuta dal past governatore del Distretto 108YA non può essere più pregnante e più adesa a quello che vuole essere il messaggio dei relatori ai ragazzi: “Esistono due leggi: quelle delle Stato e l’amore”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.