Donna salernitana truffata da falso funzionario scrive a Napolitano. Appello per ottenere annullamento matrimonio

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Giorgio_NapolitanoUn appello è stato rivolto al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano da Agnese Di Sarli, l’infermiera 47 enne di Teggiano (Salerno), vittima dell’ex marito, che la indusse a sposarlo ed a prestargli una grossa somma di denaro spacciandosi per un alto funzionario della polizia. La donna – che ha raccontato la propria storia al programma di RaiunoLa vita in diretta” – ha chiesto in una lettera al Capo della Stato un intervento per ottenere l’annullamento del matrimonio. “Sono sfiduciata del sistema giudiziario italiano e temo che nessuno mi restituirà la mia vita normale e la mia serenità”, ha detto Agnese Di Sarli ai giornalisti. La vicenda risale al 2011 quando la donna sposò Massimo Sambiase, 56 anni, di Roma, che si recava saltuariamente a Teggiano spacciandosi per un importante funzionario di Polizia in grado di far assumere persone negli uffici del Senato. Il falso poliziotto era considerato una persona influente e con importanti conoscenze.
Sambiase, subito dopo il matrimonio, si fece prestare dalla mogli 100 mila euro e si appropriò, con uno stratagemma, anche di diversi suoi gioielli regalati, poi, all’ amante romena. Per circa un anno, la signora Agnese non ebbe dubbi sulla serietà del marito, che venne smascherato nell’ottobre 2012 dagli agenti della Squadra Mobile di Roma, i quali lo sorpresero con indosso una divisa da Primo Dirigente della Polizia di Stato. In una perquisizione domiciliare, i poliziotti trovarono nell’ abitazione romana di Michele Sambiase documenti falsi, curriculum personali e e domande d’impiego negli uffici del Senato e della Camera dei Deputati.
“Dopo tutte queste sofferenze – afferma Agnese Di Sarli – fonderò un’associazione per la difesa dei diritti di chiunque subisce vessazioni morali e fisiche. Combatterò la mia battaglia con tutte le mie forze e, se il presidente Napolitano non mi risponderà, andrò a Roma e mi legherò davanti al Quirinale per far ascoltare la mia voce. Urlerò per quelli che non parlano più. La mia storia potrebbe essere identica a quella di altre persone che hanno subito sofferenze simili alla mia, sofferenze causate, nel mio caso, da uno stalking continuo per oltre un anno”.
Fonte ANSA
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.