Consulta provinciale degli studenti: Cinema e Scuola

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
consulta_provinciale_studentiDa più di un secolo il cinema è entrato nella nostra vita quotidiana, sorprendendoci con la sua capacità di rivoluzionarsi e reinventarsi in molti modi, in grado di condizionare gli spettatori e, allo stesso tempo essendone condizionato. Con la sua ricchezza di linguaggi e la sua accessibilità diventa un semplice ed efficace mezzo di comunicazione a più livelli e un perfetto veicolo di messaggi e morali. Proprio per queste sue caratteristiche si pone come un valido mezzo d’insegnamento oltre che come un valido punto di contatto fra due generazioni così distanti fra loro come lo sono oggi quella degli insegnanti e degli adolescenti.

Il cinema, all’interno delle scuole, può quindi offrire un diverso approccio ai soggetti astratti e lontani che sembrano essere quelli trattati dai libri di testo. Un nuovo modo per studiare e per sviluppare la propria coscienza critica attraverso il dialogo e il confronto con idee diverse e a volte discrepanti attorno ad uno stesso soggetto. Guardare anche solo qualche spezzone e poi commentarlo assieme diventa un metodo nuovo di analizzare la realtà, riuscendo ad estrapolare il significato intrinseco degli avvenimenti che vediamo susseguirsi sullo schermo senza lasciarci influenzare dalla successione veloce delle immagini.

La trasposizione cinematografica dei grandi capolavori della letteratura può inoltre diventare un’efficace maniera, oltre che di sviluppo di una coscienza critica in noi ragazzi, anche di riavvicinamento alla lettura, attività di cui fra i miei coetanei si sente molto la mancanza. Vedere sui visi dei personaggi le espressioni dei sentimenti provoca una profonda immedesimazione e curiosità nei loro confronti che spinge a ricercarne l’essenza più intima attraverso le pagine dei libri che, con le loro descrizioni, portano questa conoscenza ad uno stadio sensibilmente più profondo ed intimo, insegnando il confronto con realtà molteplici, che molte volte ci sarebbe impossibile raggiungere in altro modo.

Il cinema, oltre che affascinare tramite le storie fantastiche che ormai fanno parte dell’immaginario collettivo, si pone anche come specchio della storia e della realtà rappresentando i più grandi problemi dei nostri giorni. Parlo di film denuncia come “The Hurt Locker” sulla guerra in Iraq, o “I cento passi” e il più recente “La mafia uccide solo d’estate” sulla malavita italiana, film che parlano di grandi tragedie e ne portano alla luce aspetti che altrimenti non si sarebbe riusciti a cogliere.

Un esempio pratico dell’importanza e del tipo d’esperienze che si possono avere tramite azioni banali, come la visione di un film, posso riportarlo in quanto studente della Consulta Provinciale di Salerno. L’anno scorso, infatti, i rappresentanti maggiorenni della Consulta hanno avuto la possibilità di visitare la Casa Circondariale di Salerno e, tramite la visione del film “Certi Bambini” e il dibattito che ne è scaturito, instaurare un dialogo e un confronto con i carcerati ospitti della struttura, aprendo gli occhi su realtà che altrimenti sarebbero loro rimaste sconosciute. Troppo piccola per partecipare, ho visto sui loro volti e ascoltato nelle loro parole le impressioni e le profonde riflessioni che quest’esperienza ha suscitato, avviando un percorso di crescita personale che difficilmente sarebbero riusciti ad avviare da soli.

Introdurre il cinema fra i banchi di scuola diverrebbe quindi un modo di vivere esperienze nuove, svegliare le coscienze e avvicinare generazioni attraverso sentimenti comuni suscitati dagli avvenimenti che si

succedono sugli schermi.

Enrica Salurso

Consulta Provinciale degli Studenti di Salerno

Commissione Ambiente e Legalità

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.