Libri: malato racconta sua sfida a Sla tra sogni e incubi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
caldoro_SLA

Un libro per conoscere la Sla e la sfida che un uomo malato le lancia ogni giorno. E’ “Ogni volta che chiudo gli occhi”, il libro di Antonio Tessitore, 38enne di Villa Literno ammalato da undici anni. “Sogni e incubi di un leone nella gabbia della Sla”, il sottotitolo scelto per il volume, edito da Tullio Pironti e scritto con la collaborazione di Pietro Cuccaro e la presentazione di Mina Welby.

Il libro è stato presentato oggi alla Camera di Commercio di
Napoli, con l’intervento di Stefano Caldoro, presidente della
Giunta regionale della Campania, che ebbe modo di conoscere
Tessitore tre anni fa, in occasione di un’iniziativa politica a
Caserta: “Da allora Antonio – ha detto – ci ha stimolato ad
affrontare il tema della sla sul piano sociale, con un piano
diretto ai Comuni per alcuni milioni di euro e che riguarda più
di cinquecento pazienti, che hanno sostegno anche da parte delle
tecnologie.

Ma ci ha aiutato anche a capire le nuove tecnologie, ad indicarci quali possono essere le tecniche migliori per utilizzarle. Sappiamo che servono fondi per la ricerca, come quelli raccolti meritoriamente quest’estate con le docce gelate,
ma anche per l’assistenza. Ha fatto un lavoro con noi soprattutto verso gli altri e per conoscere questa malattia. Per
questo invito tutti a comprare il libro”.

Al dibattito è intervenuto anche il presidente della Camera di Commercio di Napoli Maurizio Maddaloni, che ha sottolinato
come il libro di Tessitore “accende – ha detto – una nuova luce sulla necessità di potenziare l’impegno concreto nel
miglioramento delle condizini di vita di chi soffre, attraverso anche la sensilbilizzazione del sistema delle impresenze nei
confronti della malattia e della ricerca applicata”.

Un attegiamento sottolineato anche dal capo della sede campana dell’agenzia ANSA, Alfonso di Leva, che ha presentato il
volume insieme al capo della sede Rai di Napoli Antonello Perillo. “Il libro – ha spiegato Di Leva – ci fa ricordare che i
sentimenti esistono e che bisogna impegnarsi perché agli ammalati di sla venga riconosciuto il diritto a una vita
decente”, evidenziando anche come il mondo dei media “racconti a sempre meno – ha detto – l’umanità dolente e di questo bisogna
chiedere scusa”.

Tessitore, che viveva con i suoi genitori ma che ora vive da solo con l’assistenza domiciliare ma anche rendendosi
indipendente grazie alla tecnologia, ha assistito al dibattito accanto a Pietro Cuccaro che ha ringraziato il portavoce del
presidente Caldoro. “Gaetano Amatuda – ha detto – che ha reso possibile questa giornata”, sottolineando come Tessitore nel
libro “ha misurato la sla, paragonandola alla sua vita alla sua dignità e ha saputo che lui è più forte”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.