Castel San Giorgio, Comune: liquidare la GORI è possibile

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Comune_Castel_San_GiorgioIl Sindaco di Castel San Giorgio Franco Longanella, che da tempo ha aderito alla Rete dei Sindaci per l’Acqua Pubblica in Ato3, comunica che l’Amministrazione Comunale ha preso parte, nella sede Provinciale di Napoli, al confronto dei Sindaci ATO3 con il professor Clarich, delegando per questo importante appuntamento il Vice Sindaco Giuseppe Alfano. La discussione si è incentrata su tre questioni fondamentali, anche riguardo a eventuali criticità:

  • La fattibilità tecnico – giuridica della liquidazione della GORI SpA e gli eventuali profili  di responsabilità dell’Ente d’Ambito e dei Comuni;
  • La eventuale responsabilità dell’Ente d’Ambito circa i debiti della GORI non soddisfatti in seguito a liquidazione della stessa società;
  • La possibilità dei dipendenti della  GORI SpA di essere assorbiti in  un eventuale nuovo soggetto pubblico gestore del Servizio Idrico.

La discussione ha chiarito che il percorso tecnico-giuridico di nuova pubblicizzazione del servizio idrico in ATO3 ha una sua concreta  fattibilità  nell’impegno dei Sindaci e degli Amministratori comunali. Il parere dell’avvocato Clarich, incaricato dai Sindaci di elaborare un  percorso  giuridico-legale atto alla liquidazione della GORI SpA con la costituzione di un nuovo soggetto pubblico per la gestione del servizio idrico del comprensorio, è un ulteriore valido strumento operativo. Restano, però, alcune questioni spinose che ostacolano la prospettiva enunciata. La più annosa è la permanenza del Commissario Straordinario in ATO3, che impedisce ai Sindaci di gestire la risorsa idrica. I Sindaci e gli Amministratori presenti hanno deciso, all’unanimità, di intraprendere azioni forti e risolutive verso la  Regione Campania, onde decreti la fine del Commissariamento dell’ATO3 e la restituzione, in capo agli stessi Sindaci, della gestione della risorsa idrica, in attesa della definizione di una legge – quadro regionale del settore. I Comitati dal canto loro lavoreranno per  una mobilitazione generale delle rispettive Comunità a supporto delle azioni delle Amministrazioni comunali, favorendo percorsi di partecipazione e confronto sui territori.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.