Salerno: Convegno Nazionale delle Camere Minorili, “Essere tra diritti e doveri: il minore nel sistema delle responsabilità”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Convegno_camera_minorileSi è svolto a Salerno, venerdì 17 e sabato  18 ottobre a il Convegno – Congresso nazionale dell’Unione delle Camere minorili, associazione forense, senza fini di lucro, costituita il 15 dicembre 2001, accreditata quale associazione specialistica del settore. Al Salone dei Marmi di Palazzo di città si sono dati appuntamento le 31 Camere per i Minori d’Italia per discutere sul tema “Essere tra diritti e doveri. Il minore nel sistema delle responsabilità.” Un confronto per sciogliere i primi interrogativi e riflessioni al  D.Lgs. n. 154 28 dicembre 2013, in vigore dal 7 febbraio 2013 che ha mutato il lessico giuridico sostituendo  la potestà , con la responsabilità genitoriale. Ai saluti iniziali delle Autorità presenti, il convegno con l’ausilio di esperti ha analizzato i profili giuridici, psicologici, etici e sociali del sistema delle responsabilità civili e penali in cui a vario titolo sono coinvolti i minori di età o,  per essi, gli adulti incaricati della loro tutela.

La Lectio Magistralis del sociologo Aldo Bonomi, fondatore e direttore Centro di ricerca AASTER (Agenti di Sviluppo del territorio), ha introdotto il tema “Le trasformazioni delle relazioni familiari ed impatto sul sistema della giustizia e della “comunità di cura”.  Bonomi ha parlato degli adolescenti come “generazione senza libro”, privi del riferimento dei testi che hanno ispirato le ideologie delle generazioni precedenti (come per esempio il socialismo di Marx o la Bibbia), giovani che costruiscono la loro “grammatica” con la televisione e con la rete.  Altresì evidenziando come dal modello patriarcale si sia passati al modello “mononucleare”, e che per conoscere la società attuale bisogna andare ai margini ed è fondamentale il ruolo di insegnanti, assistenti sociali, psicologi e anche gli operatori del diritto, come gli avvocati e i giudici, che possono svolgere il delicato ruolo di mediatori sociali con queste nuove realtà.

A metà mattinata del 17 ottobre e fino al tardo pomeriggio sono seguiti incontri a “tavola rotonda sul tema dalla “potestà “ alla “responsabilità genitoriale”: diritti e doveri di figli e genitori con a relatori: LUCIANO SPINA, Associazione Italiana dei Magistrati per i Minorenni e la Famiglia; STEFANO BENZONI, Neuropsichiatra infantile, autore del libro “L’infanzia non è un gioco”; VINCENZO SPADAFORA; PAOLA LOVATI, Presidente Unione Nazionale Camere Minorili, Psicologa, docente di Scienze umane presso il Liceo Regina Margherita di Salerno ed una studente liceale, CARMINE MASTRANGELO FAGO Responsabile Casa famiglia “Una casa per la vita”.   Nel pomeriggio, introdotte dall’Avv. Remo Romano, si sono tenute una serie di interviste nei quattro ambiti disciplinari: civile (condotte dalla referente del settore civile Avv. Rigon); internazionale (condotte dalla referente del settore internazionale avv. Cesaro); penale condotte dalla referente del settore penale Avv. Petrachi); psico-sociale (condotte dalla referente del settore psico-sociale, Avv Di Cagno).

Attorno ai quattro Settori di studio: Settore Civile, Settore Penale, Settore Psico-sociale e Settore internazionale, si è svolta l’attività di approfondimento delle tematiche minorili, al fine di favorire lo scambio costruttivo con gli altri operatori della giustizia minorile; di stimolare l’evoluzione legislativa nella materia; di realizzare un proficuo confronto fra i propri iscritti, in una prospettiva di crescita professionale. Insomma, l’evento organizzato dalla Camera per i Minori di Salerno guidata dal Presidente Laura Landi  ha promosso il confronto con tutte le professionalità che, a vario titolo, si occupano di minori, sul presupposto che, in tale ambito, l’approccio multidisciplinare e il riconoscimento dei diversi ruoli sia indispensabile ad assicurare la qualità della difesa. Il 18 ottobre – sempre nel Palazzo di Città – si è tenuto il Congresso annuale dell’Unione Nazionale delle Camere Minorili, momento decisionale molto importante ed occasione per le Camere d’Italia di contribuire alla redazione di linee direttive nazionali.

Alla relazione del  Presidente Paola Lovati la modifica di alcuni articoli dello Statuto, hanno fatto seguito le relazioni del settore civile con la presentazione dell’indagine sulla suddivisione delle competenze tra Tribunale dei Minori e Tribuinale Ordinario dopo la L. 219 e sull’applicazione dell’istituto dell’ascolto ed il ruolo del curatore; le riflessioni sull’istituto dell’affido nell’attuale prassi, anche alla luce della giurisprudenza sul mantenimento dei legami in ambito adottivo. Nel settore penale si è discusso del contributo dell’avvocato nel percorso di responsabilizzazione del minorenne autore di reato e del delicato problema dei reati sessuali commessi da minorenni e delle parafilie. Mentre nel settore internazionale, un vasto approfondimento della responsabilità genitoriale in contesto transfrontaliero e sottrazione minori; come è stata occasione per un confronto sulle modalità di ricorso alla CEDU  per violazione del diritto alla vita privata e famigliare; fino all’approfondimento sul tema  “Verso una separazione  a misura di minore: confronto  di esperienze in  alcuni paesi europei in materia di addebito”.

Nel settore psicosociale, sono state affrontate le tematiche dell’allarme da abuso di sostanze alcoliche fra adolescenti e social network; e discussione delle parafilie (o perversioni sessuali) e il coinvolgimento di minori. Due giorni, insomma, di proficuo lavoro che se da una parte apprestano uno scenario non del tutto tranquillizzante per il futuro della famiglia e dei minori, tuttavia tracciano dal confronto scaturitone delle importanti linee guida, nel percorso di buone pratiche che pure l’Unione delle Camere minorili tende a concretizzare. Il Convegno ed il Congresso svoltosi a Salerno ha segnato un passo molto importante per la crescita delle figure a diverso titolo impegnate nel difficile ruolo di difesa dei diritti in specie dei minori, spiega  Laura Landi, presidente della Camera dei Minori di Salerno organizzatrice dell’evento – e l’artista genovese Tizia Rinaldi ha ben interpretato l’impegno del nostro lavoro con un disegno, logo dell’evento, che sintetizza: “L’abbraccio, cura e presenza mentale, di costante autocontrollo che devono accompagnare tutti i soggetti coinvolti in un contesto così delicato come il diritto minorile”.

A fine lavori il presidente dell’Unione delle Camere Minorili Lovati, nel ringraziare i partecipanti ha segnalato la candidatura di Sassari per il Congresso del prossimo anno, ricordando quanto sia forte l’impegno dell’Unione per il riconoscimento di un giudice della famiglia e per la specializzazione del settore, così come fortemente chiesto ed approvato con una mozione, anche nel corso del Congresso Nazionale Forense tenutosi a Venezia lo scorso 9 ottobre.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.