Frana Montecorvino Rovella, interrogazione dei parlamentari salernitani

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
Frana_strada_chiusaE’ stata presentata oggi al Presidente del Consiglio dei Ministri ed al Ministro dell’Ambiente una interrogazione parlamentare sul gravissimo dissesto idrogeologico nel Comune di Montecorvino Rovella a firma dei parlamentari salernitani Fulvio Bonavitacola, Tino Iannuzzi, Sabrina Capozzolo, Simone Valiante e Michele Ragosta. “Gli eventi calamitosi verificatisi nella provincia di Salerno il 7 febbraio 2014 – si legge – hanno originato un enorme smottamento franoso nel territorio del Comune di Montecorvino Rovella. La frana ha causato uno slittamento della strada ex S.S. 164 per un fronte di circa ml 100 che ha riguardato una superficie totale di circa 30.000 mq. Fra gli effetti gravissimi dell’evento si segnalano, principalmente, l’interruzione dei collegamenti stradali di Montecorvino Rovella con Acerno ed altri Comuni limitrofi, l’isolamento di tre interi quartieri, l’inagibilità del percorso utilizzato da moltissimi fedeli di Montecorvino e Comuni limitrofi per raggiungere il Santuario Mariano, importante luogo di culto;

Di seguito, in data 22 settembre 2014, a causa di ulteriori e forti piogge, in località frazione San Martino ( già colpita da un evento franoso del 16 marzo 2013 ), si è prodotto un aggravamento del dissesto, in immediata prossimità delle abitazioni site in zona e della Chiesa dello Spirito Santo, prestigioso edificio di culto risalente al 1600 e di recente interessato da un importante intervento di restauro conservativo; Le situazioni descritte pongono i territori e le popolazioni interessate in una gravissima condizione di disagio e di pericolo per la incolumità pubblica e privata, oltre che d’ingente pregiudizio per lo svolgimento delle ordinarie attività economiche, sociali e civili della comunità interessata;

In particolare, la prossimità dell’andamento franoso in atto con l’alveo del fiume Cornea, rende altamente prevedibile che il fronte interessato possa coinvolgere lo stesso corso d’acqua, causando esondazioni ed ulteriori  situazioni di dissesto e stravolgimento dell’equilibrio ambientale, aggravando la già ampiamente critica situazione innanzi descritta; Tale scenario acquista ancor più pregnante prevedibilità in considerazione dell’approssimarsi del periodo annuale correlato ad un fisiologico incremento delle giornate di pioggia e maltempo;

1) Quali urgenti iniziative le SS.LL. intendano attivare per quanto nelle rispettive prerogative, anche sollecitando opportune intese collaborative ed operative fra Protezione Civile e Ministero dell’ambiente, nonchè promuovendo gli opportuni raccordi con la Regione Campania per le competenze ad essa spettanti, comunque al fine di garantire:
a) un immediato monitoraggio del dissesto in atto nei luoghi di cui in premessa;
b) la messa in sicurezza urgente dei siti interessati, onde evitare ulteriori danni a persone e cose;
2) Quali urgenti iniziative le SS.LL. intendano attivare, in ambito normativo ed amministrativo, per la semplificazione ed efficientamento del quadro normativo di settore, al fine di garantire la realizzazione degli interventi di risanamento e riparazione, idonei a ripristinare condizioni di ordinaria agibilità e fruizione di luoghi danneggiati da eventi calamitosi del tipo descritto in premessa.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. Non c’ è da meravigliarsi come venga fatta direttamente una interrogazione al Presidente del Consiglio ed al Ministro dell’Ambiente mentre, il Presidente della Regione CAMPANIA e/o l’Assessore all’Ambiente o quello delle Infrastrutture (competenti in materia), sempre della Regione Campania… Viene dato risalto a livello nazionale alle problematiche di un territorio mentre chi, a diretto contatto con lo stesso territorio e/o la popolazione (che l’avrà pur votato quattro anni fa!) NON se ne è proprio interessato…
    Poi si lamentano che il governo centrale ha tagliato i fondi…
    Bisognerebbe tagliare proprio questi Enti locali (REGIONI/PROVINCE) istituendo un diretto contatto tra lo STATO centrale ed il rappresentante del territorio (COMUNE)..
    Si risparmierebbe sicuramente un bel pò di indennità e (forse) ci sarebbero più servizi utili al cittadino!!!

  2. Non c\’ è da meravigliarsi come venga fatta direttamente una interrogazione al Presidente del Consiglio ed al Ministro dell\’Ambiente mentre, il Presidente della Regione CAMPANIA e/o l\’Assessore all\’Ambiente o quello delle Infrastrutture (competenti in materia), sempre della Regione Campania rimangono in religioso silenzio (da febbraio!)… Viene dato risalto a livello nazionale alle problematiche di un territorio mentre chi, a diretto contatto con lo stesso territorio e/o la popolazione (che l\’avrà pur votato quattro anni fa!) NON se ne è proprio interessato…
    Poi si lamentano che il governo centrale ha tagliato i fondi…
    Bisognerebbe tagliare proprio questi Enti locali (REGIONI/PROVINCE) istituendo un diretto contatto tra lo STATO centrale ed il rappresentante del territorio (COMUNE)..
    Si risparmierebbe sicuramente un bel pò di indennità e (forse) ci sarebbero più servizi utili al cittadino!!!

  3. Non sono soltanto gli enti che bisognerebbe tagliare ma anche il cosiddetto “partito della pagnotta” (ne fanno parte parecchi), tipo gli lsu che vengono pagati per non fare assolutamente nulla….ogni 6 mesi avviene il rinnovo del contratto (soldi + contributi) e questo lo si fa da 3/4 anni….Calcola che in campania ce ne sono oltre 1300 che moltiplicati per 4/5 persone per ogni famiglia vedi un pochino quanti voti fa….E questo solo con gli lsu…..

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.