ArchTour alla scoperta di Salerno e del suo rapporto con il mare

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
ArchSalerno e il Mare, tra passato e futuro. E nel mezzo tracce di storia, segni d’arte e frammenti di cultura che hanno ispirato la trasformazione urbana e l’architettura della città. Le Associazioni Fonderie Culturali e ARCAN – Salerno Cantieri&Architettura, il prossimo sabato 25 ottobre, offriranno a cittadini e turisti un inedito tour per conoscere il legame indissolubile che lega la città all’acqua. Si partirà alle ore 9.45 dal Museo Archeologico Provinciale, sito in Via San Benedetto 28. Tutti in fila si raggiungerà la Stazione Marittima progettata da Zaha Hadid. Una visita in esclusiva consentirà di ammirare la struttura in cemento armato e cristallo, che armoniosamente si inserisce nel profilo della costa e rappresenta una delle opere più spettacolari del programma di trasformazione urbanistica di Salerno.

Seconda tappa sarà l’Archivio dell’Architettura Contemporanea, luogo di confronto tra l’architettura contemporanea e le esigenze espressive dei talenti artistici salernitani. Ed infine ritorno al Museo, dove si potrà osservare da vicino un tesoro emerso proprio dalle acque di Salerno: latesta in bronzo del Dio Apollo alta circa mezzo metro, risalente alla prima metà del I secolo a. C. La scultura, che fu rinvenuta per pura fatalità nel 1930 dopo che si era impigliata nelle reti di un pescatore, fa bella mostra insieme ad altri reperti provenienti da lontani lidi. Fratte sarà la prossima tappa dell’ArchTour, in programma il 29 novembre 2014.

Dove: Museo Archeologico Provinciale di Salerno, Via San Benedetto 28, 84122 Salerno

Date: sabato 25 ottobre 2014, dalle ore 9.45

Modalità di partecipazione: Evento ArchTour gratuito. Biglietto ingresso al Museo 2 euro

Prenotazione obbligatoria: tel: 089/231135 –  mailinfo@museoarcheologicosalerno.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Ma che c’è da visitare a quella costruzione che continuano a chiamare “stazione marittima”? E’ un cantiere che si avvia a compiere (giugno prossimo) 14 anni di vita e dell’opera, che non si sa a cosa dovrà servire e che non si è mai saputo e mai si saprà quanto costerà alla collettività, neanche si intravede la fine!!!!!! Questo è il risultato della mania demolitrice dell’amato sindaco! Bastava recuperare, come in maniera molto intelligente è stato fatto a Genova, i vecchi magazzini generali, esempio tipico di un’architettura che non esiste più. Invece ….. no! Bisogna demolire per cementificare e poi vedere solo cantieri eterni!!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.