Lavoro, Ministro Poletti a Salerno: “Norme guardano al passato. Incentivi? Sono tossici”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Giuliano_PolettiCamminiamo guardandoci indietro, ancorati al passato, laddove è giunta l’ora di accettare l’idea di dar vita ad un cambiamento radicale. Il Ministro Poletti parla di coraggio, di razionalità che deve andare di pari passo con la passione, perché per ridare dignità al lavoro ed ai lavoratori non può esser sufficiente l’auspicabile ripresa economica, peraltro affatto scontata. Per Poletti, ogni singolo individuo deve cominciare a guardare da vicino a quel che accade, chiedendosi perché il lavoro manchi e non limitandosi a contemplare con rassegnazione quel tasso medio di occupazione che era e resta uno dei più bassi dell’Unione Europea.

Un dato che peraltro non è di oggi o di ieri, visto che il Paese, storicamente, non ha mai guadagnato posizioni in tale ipotetica graduatoria e rimane quello dove mediamente si entra più tardi nel mondo del lavoro. Per il Ministro, innanzitutto c’è da mettere da parte quella sorta di lassismo comune che porta il cittadino a chiedere “Cosa fate voi?”, piuttosto che “cosa vogliamo fare assieme?”.

Nel mondo del lavoro “noi andiamo avanti con la logica governata da norme che sono la fotografia del passato”. Lo ha detto il ministro del Lavoro Giuliano Poletti intervenendo a Salerno a un convegno promosso dalla Conferenza episcopale italiana sul tema ‘Nella precarietà la speranza’. “Come facciamo a governare il futuro così – si è chiesto ancora Poletti – con la testa rivolta al passato”. Per il ministro, inoltre, bisogna prendere atto che “le cose stanno cambiando”.

Per il mondo del lavoro “non c’è nulla di più tossico degli incentivi” , ha aggiunto  Poletti – Bisogna togliere gli ostacoli – ha detto il ministro – e non dare solo le vitamine”. Sulla manifestazione della CGIL a Roma il ministro del Lavoro ha preferito non commentare: “Permettetemi di non commentare una manifestazione che è ancora in corso. Ne parleremo alla fine”. Poi  ha rimarcato la necessità “di cambiare gli strumenti” se si vogliono creare nuove occasioni di lavoro. “Se si fanno dichiarazioni del tipo vogliamo un ‘contratto più stabile’ e poi le regole rimangono le stesse le cose non cambieranno” ha concluso il Ministro.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.