Contursi, WWf: Saranno “Terre delle oasi” i prodotti made in Sele-Tanagro Monti Eremita Marzano

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Guardie_Zoofile_Sele“Produrre in un’area protetta, non è una penalizzazione come troppo spesso si è portati a ritenere, ma rappresenta una straordinaria opportunità per le aziende agricole”. Lo ha affermato l’architetto Maria Gabriella Alfano, presidente dell’Ente Riserve Naturali Foce Sele–Tanagro Monti Eremita Marzano, dopo un’affollata riunione presso il Municipio di Contursi per avviare un percorso di strategia di promozione e commercializzazione dei prodotti delle aziende agricole biologiche che hanno le loro sedi all’interno dell’Ente Riserve Foce Sele Tanagro e Monti Eremita Marzano.

L’incontro è stato reso possibile da una sinergia tra l’Ente e il Wwf, e ha visto la partecipazione di Antonio Canu, naturalista e giornalista, responsabile delle oasi del Wwf, e di Fernando Di Fabrizio,  presidente di Terre dell’Oasi, la cooperativa che distribuisce in Italia i prodotti agricoli biologici delle oasi Wwf Italia.

Si è partiti dall’esperienza del marchio “Terre delle Oasi”, che commercializza prodotti della terra tramite il Wwf all’interno dei circuiti Ikea e Coop. Il network Terre delle Oasi ha rilevato però una sproporzione tra domanda e offerta, soprattutto nel settore della produzione di olio extravergine di oliva, cereali e legumi. Di qui la richiesta a Federparchi di coinvolgere nel progetto anche le aziende agricole biologiche che svolgono la loro attività all’interno di aree protette. Sfruttando la qualità ambientale collegata alle produzioni agricole, i prodotti di queste terre saranno immessi nella filiera nazionale già attiva.  L’olio extravergine, i cereali, i legumi e tutti gli altri prodotti biologici dell’area protetta saranno commercializzati aggiungendo al marchio del produttore quello di “Terre delle oasi”.

Le aziende del territorio hanno risposto positivamente alla “chiamata” della presidente Alfano, sottolineando come l’ampliamento e la diversificazione dei mercati di riferimento costituisca una straordinaria opportunità per l’agricoltura biologica e di qualità, in un momento in cui la dinamica dei consumi, fortemente stagnante negli ultimi due anni, dà piccoli ma significativi segnali di ripresa.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Un’ottima idea che potrebbe dar vita a qualcosa di buono e di costruttivo!! Noi del sud dovremmo avere un po’ più di mentalità “nordica” riguardo la cooperazione.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.