Terrorismo islamico, c’è un indagato a Salerno per le minacce a radio 24

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa

Cruciani_Radio_24Un brasiliano di 45 anni residente a Fisciano è finito nei guai per una telefonata con minacce  al programma radiofonico La Zanzara del 7 gennaio scorso condotto da Giuseppe Cruciani. L’uomo, che mercoledì sarà interrogato in procura dal Pm Rocco Alfano, è indagato di associazione finalizzata al terrorismo internazionale. A darne notizia il quotidiano il Mattino oggi in edicola. 

«Non toccate chi è più forte di voi. Nel Corano c’è scritto: uccidete gli infedeli ovunque si trovino». Esordì così il 45enne brasiliano durante la telefonata a «La Zanzara» nei giorni della paura dopo l’attentato in Francia al periodico Charlie Hebdo. «Noi crediamo nella violenza, noi entriamo negli uffici e nelle camere da letto e vi spariamo in testa: noi crediamo che Israele sarà distrutta». Poi le accuse dirette a Cruciani: «Non fai paura a nessuno. La vendetta dell’Islam può arrivare anche dopo tanto tempo e vediamo tutti i tuoi manifesti per strada».

L’indagato è incensurato, apparentemente integrato con la comunità locale e con poche amicizie. Segnali che, comunque, non hanno certo tranquillizzato gli inquirenti.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. solo un mentecatto puo` parlare cosi’. Tanti deficienti che farneticano le stesse stronzate nn hanno capito che questi folli criminali con il volto coperto nn guardano in faccia a nessuno.

  2. Le politiche degli Stati apparentemente Democratici sono orientate essenzialmente da motivi economici.Gheddafi fu un dittatore insopportabile,ma le vere motivazioni dello scontro venivano da interessi contrattuali delle compagnie di petrolio e gasdotti.In Iraq,il dittatore Hussein e’ stato deposto per motivi economici.In Ucraina si spara per interessi economici.Personalmente credo che dietro l’Isis ci siano motivazioni economiche.Io nn ci credo al fanatismo Musulmano.Si,anche nel mondo Arabo come nel Nostro esisteranno i fanatici,ma ad oggi nessun Giornale sa dire chi rifornisce di Armi l’Isis.Come fanno queste persone ad avere esercito e mezzi?Gli Stati Produttori di Armi si sa quali sono.Per cui,io credo che quello che noi vediamo nella realta’,non e’ la Verita’.Alla fine si uccide sempre per soldi.Ricordo poi che la situazione Palestinese,a bene guardare,e’ uma ferita per il.Popolo Arabo.Israele di fatto ha ridotto alla fame un popolo che viveva li prima della scelta(discutibile)di dare una sede agli ebrei sopravvissuti alla Vergogna dell’Olocausto.Il problema e’ sempre lo stesso:I Soldi.Per via dei soldi,abbiamo 2150 miliardi di debito pubblico.L’Uomo e’ l’Uomo.Gli Arabi non sono diversi da Noi nel Bene e nel Male.Immaginate uno Stato costruito da Camorra,Ndrangheta e Sacra Corona Unita?Cosa sarebbe uno Stato del genere?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.