Porti: segretari campani Cgil, Cisl e Uil esprimono pieno sostegno a sciopero 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Porto_Salerno_alto_costa“Sulla base di principi condivisibili sta prendendo piede una dannosa e frettolosa riforma che non risolverà i problemi della portualità, ma piuttosto metterà a serio rischio un intero sistema e migliaia di posti di lavoro”. É quanto sostengono i tre segretari generali di Cgil, Cisl e Uil della Campania, Franco Tavella, Lina Lucci e Anna Rea, che annunciano il loro sostegno allo sciopero generale dei porti indetto dalle categorie per domani. I sindacati sottolineano la loro “piena convergenza su alcuni dei principi che ispirano la riforma avviata dal governo con l’articolo 29 dello Sblocca Italia, condividendo la necessità di un più efficace coordinamento sugli investimenti delle infrastrutture portuali e sulle strategie di sviluppo della portualità e della logistica, la necessità di una semplificazione delle procedure approvative per gli escavi e per i piani regolatori portuali o anche per la designazione dei presidenti delle Autorità portuali, la necessità di un riordino su scala nazionale dei servizi tecnico nautici, perseguendo, per quanto possibile, l’autonomia finanziaria dei porti.

“Nel metodo, – proseguono Cgil, Cisl e Uil – come è emerso con chiarezza in occasione degli Stati Generali sulla Portualità, le consultazioni delle parti sociali sono state solo di facciata, senza alcun interesse da parte del Ministro Lupi ad ascoltare chi rappresenta in questo settore, sia nel pubblico che nel privato, migliaia di lavoratori. Eppure, in questi ultimi anni, – secondo i tre sindacati – i porti italiani hanno sostanzialmente retto bene all’impatto di una crisi finanziaria senza precedenti, nonostante le tante disattenzioni dei governi che si sono succeduti”.

“La Campania, – evidenziano i tre segretari generali confederali – che è dotata di ben sei porti di cui tre di caratura nazionale ed internazionale, potrebbe e dovrebbe godere di grandi benefici per una gestione ottimale del sistema della portualità, ma il Ministro Lupi negli ultimi 24 mesi ha dato dimostrazione di un totale disinteresse nei confronti di questa parte del territorio lasciando il Porto di Napoli nelle mani di commissari straordinari e privandolo nei fatti di un presidente, ovvero di una guida autorevole con un incarico pluriennale in grado di superare criticità che appaiono giorno dopo giorno sempre più gravi ed insormontabili. I continui definanziamenti degli ultimi mesi, la mancanza di nuove previsioni di investimento e la perdita dei finanziamenti Europei sono la prova tangibile di una degenerazione che sembra figlia di una perversa strategia a danno della Campania”.

Le segreterie confederali di Cgil, Cisl e Uil della Campania, infine, “sollecitano il Ministro Lupi a definire una concreta azione di rilancio per garantire una guida stabile e un futuro dignitoso al Porto di Napoli e ai suoi lavoratori”.

Fonte ANSA

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.