Calcioscommesse: gara al centro indagini sarebbe Salernitana-Messina

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
40
Stampa
salernitana_Messina_campionato_51
Adesso gli investigatori della squadra mobile guidata da Rodolfo Ruperti hanno focalizzato la loro attenzione su otto società non menzionate nel provvedimento di fermo del pm Elio Romano protagoniste di cinque partite giocate tra novembre e gennaio scorso su cui si sono addensati numerosi sospetti. Al centro delle indagini c’è adesso Salernitana-Messina del 21 dicembre scorso, finita 1-0, giunta la settimana successiva alla sconfitta dei campani a Barletta.
Ma l’approfondimento investigativo riguarda anche altre sette società, oltre a quella di Lotito: Benevento, Ascoli, Reggina, Messina, Renate, Torres, Viterbese e Nuorese- queste ultime due di serie D – per le partite Salernitana-Messina, Ascoli-Santarcangelo, Reggina-Benevento, Renate-Torres e Viterbese-Nuorese.
Il lavoro investigativo portato avanti dalla Mobile con lo Sco confluito nel provvedimento di fermo, infatti, si ferma alla metà di aprile quando, per scongiurare il rischio di fuga o di inquinamento delle prove da parte degli indagati, la Procura ha deciso di procedere con i fermi dopo avere ricevuto una corposa informativa firmata dallo stesso Ruperti. Quelle che però non si sono fermate sono state le intercettazioni, andate avanti, praticamente, fino a martedì scorso quando in tutta Italia è scattata l’operazione “Dirty soccer”. E da aprile ad oggi, gli indagati hanno continuato a parlare, e tanto.
Tutte conversazioni ormai impresse sui supporti magnetici, ma ancora non analizzate ed approfondite, dalle quali traspare come le cinque partite al centro del mirino fossero considerate aggiustate dai componenti delle due organizzazioni dedite al calcioscommesse. Adesso, quindi, si pone la necessità di riascoltare, trascrivere e verificare quei dialoghi per stabilire la veridicità di quanto captato ed eventuali responsabilità.
Un contributo a questo lavoro potrebbe venire dagli stessi indagati, alcuni dei quali, come il dirigente tecnico del Brindisi Calcio Vito Morisco e l’ex presidente del Brindisi Calcio Antonio Flora, hanno già cominciato a fare le prime ammissioni. Atteggiamento che potrebbe far prefigurare una futura collaborazione con gli investigatori.
Oltre a questo, c’è tutto il materiale sequestrato nelle perquisizioni fatte ai fermati e ad altri 27 indagati in stato di libertà: fogli, appunti, carte, ma, soprattutto, smartphone e tablet, che nelle loro memorie potrebbero celare spunti e conferme a quanto già delineato. E quello stesso materiale potrebbe fornire indicazioni utili anche su un’ulteriore decina di società, i cui nomi sono ancora rigorosamente riservati ma sulle quali hanno già puntato gli occhi gli investigatori. Lo scandalo, dunque, è destinato ad allargarsi. E lo stesso Roberti non ne fa mistero. “È un’indagine – ha detto – con prove solide che sicuramente avrà degli sviluppi perché i fatti accertati sono in qualche modo fondati”.
Fonte ANSA

DIRETTA TWITTER


Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

40 COMMENTI

  1. Un’indagine che parte dalle intercettazioni telefoniche e ha avuto un nuovo e decisivo impulso grazie al materiale rinvenuto nel corso delle perquisizioni effettuate durante il blitz che ha portato al fermo di 50 persone, mentre gli altri 26 coinvolti sono a piede libero. Materiale che metterebbe sotto accusa i granata a cui favore sarebbero andate delle combine. Il tutto inserito in un’indagine che, secondo il procuratore nazionale antimafia Franco Roberti, ha «prove solide e che sicuramente avrà degli sviluppi».

    Le gare dubbie della Salernitana. Secondo quanto si apprende, gli investigatori considerano il match più «sospetto» quello disputato ad aprile con il Barletta. La partita, terminata con il risultato di 3-1, ha consentito alla squadra di Lotito di vincere il girone C di Lega Pro e salire in B con due giornate d’anticipo. Per gli investigatori si prefigurerebbero gli estremi di una combine a vantaggio della Salernitana attraverso un passaparola portato avanti da dirigenti di club ed esponenti delle organizzazioni criminali, insieme a scommettitori serbi, russi, moldavi e maltesi, con messaggi su Whatsapp – per scongiurare il rischio di essere intercettati – che gli inquirenti avrebbero individuato negli scorsi giorni in base agli ultimi ascolti dei flussi telefonici. Ma i granata sarebbero chiamati in causa anche per la partita col Messina

  2. State tranquilli gli ivestigatori stanno seguendo il barletta e il messina, siate un pò più precisi nel commentare.

  3. Le squadre che scendono in campo sono due, il Barletta segnò per prima poi ha avuto altre occasioni che Gori ha sbrogliato, quando parlano di combine fate i nomi dei calciatori e inutile colpevolizzare tutti-
    Gentilmente informazioni più precise i nomi delle persone abbinate alle società calcistiche. Altrimenti litighiamo inutilmenti tra cavaiuli, nocerini, paganesi e munezz varie.

    Grazie

  4. Mi volete spiegare x quale motivo si deve combinare una partita a tre giornate dalla fine con cinque punti di vantaggio? È tutta una macchinazione diamo fastidio a tutti, il motivo..siamo una grandissima tifoseria!

  5. …..i media non parlano di barletta e messina ma di dubbi su favori alla salernitana…tanto per essere precisi

  6. le gare della Salernitana erano tutte regolari, anzi gli avversari si accanivano per vincere e fare bella figura e le vittorie sono state vere vittorie meritate
    finirà tutto in una bolla di sapone

  7. Io penso che non si può punire una grande tifoseria come la nostra per colpa di dirigenti imbroglioni e di malaffari. Dobbiamo ammetterlo che con una società composta da Lotito e Fabiani bisognava aspettarselo.
    Vi ricordate la partita di potenza!!!!….li siamo stati graziatti…speriamo ed incrociamo le dita pure questa volta.

  8. non sei stato graziato per la partita del potenza ti hanno dato 6 punti di penalizzazione e anche li era il potenza che aveva organizzato ma te li sei beccati pure tu i punti quindi dovete capire che la giustizia sportiva e diversa da quella normale ci sono altre regole e poi se veramnete vogliono dare l’esempio come dicono c’e il pericolo che fanno un solo calderone percio occhi aperti

  9. tranquilli, mal che vada, avremo battuto un record difficilmente eguagliabile:il record di permanenza in un torneo, 3/4settimane!ma che ce frega, ma che c’importa, 77 anni e si rivince il campionato!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.