Campionati caos, domani il ricorso degli esclusi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
pallone_serie_BL’estate del pallone è sempre più rovente: il torrido mese di luglio prosegue con nuove tappe di avvicinamento a quella che sarà la composizione definitiva dei campionati, con la B e la Lega Pro che perdono pezzi, uno dopo l’altro. Domani il Consiglio Federale si pronuncerà sui club non ammessi al momento, anche alla luce delle prime pronunce della Covisoc e si darà il via alla procedura dei ripescaggi. In terza serie otto club non si sono iscritti: ai quattro che avevano dato forfait al 30 giugno (Grosseto, Monza, Barletta e Castiglione), quattro si sono aggiunte ora “saltando” alla scadenza del 14 luglio, l’ultima utile per integrare la documentazione (si tratta di Venezia, Varese, Reggina e Real Vicenza). Ci sono poi le squadre che puntano a rientrare negli organici della B.
A tal proposito domani il Consiglio ha all’ordine del giorno la determinazione dei criteri per i ripescaggi in caso di sentenze della giustizia sportiva: di fatto, la Figc chiarirà in anticipo cosa succederà se, come prevedibile, alcune squadre venissero retrocesse per illecito. Probabilmente verrà confermato l’impianto normativo attuale: un club condannato va all’ultimo posto della classifica, che viene riscritta in automatico. Come accadde per Calciopoli: Juve all’ultimo posto e Messina salvato. Aspettando i responsi sul caso Catania e sulla situazione del Teramo, si prenderà atto per la serie B del fallimento del Parla. Poi, la Figc deciderà sui ripescaggi ad agosto. Formalmente, non verranno modificati i format dei campionati: A a 20, B a 22, Lega Pro a 60.
Per cambiarli, serve una maggioranza qualificata che in questo momento non c’è: Tavecchio ha dato tempo entro il 14 agosto per trovare in extremis l’accordo su una riforma che comunque partirebbe dalla prossima stagione e produrrebbe i primi effetti dal 2017/2018. Insomma, il consiglio di domani dirà che c’è un posto libero in B e ce ne sono 8 in Lega Pro. Poi si aspetteranno ad agosto le domande di ripescaggio e la Figc prenderà atto della situazione per stilare i calendari, con l’assurdo di poter anche operare dei tagli naturali agli organici (più in Lega Pro che in B). Ad ogni modo, tra fallimenti e inchieste, l’estate del pallone tricolore contempla sempre tristi colpi di scena e la composizione dei campionati diventa una partita a risiko.
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.