Allagamenti, Coldiretti Campania: “Stato d’emergenza anche nel salernitano”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
sottopasso_pastena_salerno_allagatoUna regione che si scopre sempre più fragile, con gravi ripercussioni sulla vita dei cittadini, sull’economia ed in particolare sulle imprese agricole. Coldiretti Campania segue con crescente preoccupazione le conseguenze del maltempo su tutto il territorio regionale.
Una nuova emergenza si sta aprendo nel salernitano – commenta SimoneCiampoli, direttore di Coldiretti Campania – con gravi danni in particolare nell’Agro Nocerino e nella Valle dell’Irno.
Ci risultano perdite ingenti a centinaia di ettari coperti per circa l’80% da serre, dove erano in fase di piantumazione le colture orticole. L’esondazione degli affluenti del Sarno ha spazzato via macchine e piantine. Situazioni simili si sono verificate anche nell’area casertana lungo il fiume Volturno. Stiamo valutando la possibilità di chiedere per queste zone lo stato di emergenza, così come è avvenuto nel Sannio”.
Ma le piogge hanno creato forti disagi anche in provincia di Napoli, in particolare nell’area tra Afragola, Frattamaggiore, Casandrino e Melito. “La Campania – spiega Gennaro Masiello, vicepresidente nazionale di Coldiretti – si scopre ancora una volta una regione con un territorio troppo fragile. Pur dovendo fare i conti con un clima che ci consegna fenomeni estremi, c’è una condizione ormai insostenibile di dissesto idrogeologico.
I fiumi devono diventare una risorsa, non una minaccia. Non è possibile continuare a tenere imprese e cittadini nel terrore di veder spazzato via il proprio lavoro e la propria vita a causa di un temporale. Esiste un problema serio di ruolo dei Consorzi di Bonifica, così come esiste una questione irrisolta nella gestione degli invasi.
Le piogge ormai cadono troppo in poco tempo e poco per lunghi periodi. Di fronte a questi cambiamenti epocali del clima bisogna reagire con vigore. Non basta mettere una pezza dopo un’emergenza, come avviene sempre e da troppi anni. Siamo a un punto di non ritorno dopo queste giornate drammatiche. Come abbiamo spiegato al ministro Martina e al presidente De Luca, occorre subito un approccio di sistema alla gestione del territorio.
E non solo per l’agricoltura. Un’agricoltura di qualità vive se c’è un territorio manutenuto e valorizzato. Noi siamo pronti a fare la nostra parte, anche intervenendo dove le Istituzioni pubbliche non ce la fanno. Gli imprenditori agricoli possono essere le sentinelle ambientali che l’Ue richiama nella nuova Pac”.
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.