Super Alma Salerno: al Pala Tulimieri prima vittoria del campionato nello scontro salvezza con Saviano

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
alma salerno - foto di squadraNel derby con Saviano, la gara spartiacque della stagione, l’Alma Salerno spezza il digiuno di vittorie e passa 4-3 al Pala Tulimieri. Fanno festa i granata perché il successo sofferto, difeso a denti stretti, produce importanti risvolti di classifica in serie B: capitan Peluso e compagni agganciano Saviano a quota 6 nel girone E, distanziano Campobasso fanalino di coda. L’Alma ritroverà proprio Campobasso sabato prossimo in Molise e il dg Peluso mette in guardia: «Sarà una gara insidiosa, perché il Campobasso non è squadra materasso, ma vogliosa di riscatto, desiderosa di rimettersi in gioco. Quindi occhio ai cali di concentrazione, prepariamoci ad un’altra partita intensa». Un sorriso, un sospiro e aggiunge: «Desidererei soffrire un po’ meno sugli spalti. Pure stavolta, infatti, abbiamo vissuto l’ultimo minuto e mezzo in apnea. Vittoria sofferta e meritata, goduta. Faccio i complimenti ai ragazzi e al mister. Questo bel risultato contro Saviano ci dà morale, serenità, può davvero farci svoltare».

La vittoria ha una doppia dedica: l’Alma ha fatto il regalo di compleanno al suo presidente Marco Bianchini e poi nello spogliatoio (in gruppo anche il baby Raffale Rosello che ieri ha fatto panchina dopo l’esordio a Ciampino, sette giorni prima) ha festeggiato a lungo il proprio difensore Luigi Milito, diventato papà da poche ore. In realtà il regalo Milito se l’era già fatto da solo, nel momento più delicato della partita. Avanti 2-0 all’intervallo grazie alla doppietta di Spisso – primo gol di rapina dopo combinazione Peluso-Milito; secondo gol d’astuzia, prolungando in rete di testa il rilancio con le mani di Simeone – l’Alma s’era fatta raggiungere dal Saviano dopo aver subito due traverse ma dopo aver fallito anche il 3-0 per due volte con Spisso. Sul 2-2 e un’infinità di minuti da giocare, ecco Milito scaricare nell’angolo basso alla destra del portiere ospite la rabbia dell’Alma ma anche la gioia personale, dopo una settimana speciale che cambia la vita. Dopo il gol del 3-2, il giocatore granata ha nascosto il pallone sotto la pancia e ha festeggiato la nascita della piccola Ida con il gesto della culla. Di nuovo in vantaggio, l’Alma non si è accontentata, anzi ha pigiato sull’acceleratore e ha trovato con Calabrese il gol del 4-2. Tutto finito? Macché. Saviano batte calcio d’angolo, il pallone picchia su una gamba granata appostata sul primo pallo e trafigge Simeone. Comincia il conto alla rovescia, palpitano pure gli appassionati e numerosi tifosi, con nutrita presenza ospite.

Finisce con il tripudio granata: il derby, cominciato con il minuto di silenzio per ricordare le vittime della strage terroristica a Parigi, termina con la cavalleresca stretta di mano tra atleti e arbitri. «La vittoria vale oro – dice Mainenti, tecnico dell’Alma – e facciamo festa non tanto per aver agganciato il Saviano, squadra che ha valori e che a ranghi completi occuperà di sicuro posizioni più nobili di classifica, quanto per aver distanziato di altri tre punti il Campobasso. L’Alma ha fatto la sua buona gara, ha giocato con ritmo, intensità, ha offerto buone trame. Talvolta si è disunita ed è stata punita. Il 2-2 ospite per paradosso è stato una frustata psicologica positiva: ci ha fatto giocare di nuovo liberi da paure, senza ansia. Infatti la squadra si è ripresa subito e si è riportata in vantaggio. Un infortunio difensivo ha propiziato il 4-3 del Saviano e ci ha costretto ad un finale in trincea. Però la sofferenza l’avevamo messa in conto, al cospetto di una squadra solida ed esperta, reduce da quattro risultati utili di fila». Felice il vice capitano Francesco Pacileo: «Sono contento per la squadra e per la società che ci sta vicino. Ci godiamo questa vittoria sofferta e meritata, che ci dà ossigeno in classifica ma anche serenità. Dopo le belle cose del primo tempo, avevamo pagato dazio ad errori difensivi e di concentrazione ma abbiamo reagito con orgoglio e ci siamo presi l’intera posta in palio. Ora sotto con il Campobasso: ci attende uno spareggio, dobbiamo uscirne indenni». Campobasso-Alma Salerno si giocherà in Molise sabato 21 novembre alle ore 16.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.