Il Volo: “Chi abituato a Led Zeppelin non può ascoltarci. Nessuno come noi a soli 20 anni”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
24
Stampa
trio_il_volo“Chi è abituato ai Led Zeppelin non può ascoltarci. Siamo unici ma non facciamo lirica: nessuno canta come noi a 20 anni. Il nostro è un pop lirico, un vintage musicale. E chiamatemi cantante, non tenore”. Così Gianluca Ginoble de Il Volo a Radio Club 91.
“Certo chi è cresciuto ascoltando i Led Zeppelin,  non può ascoltare il nostro genere musicale. Ma possiamo esserci nell’Ipod. Il nostro è un pop lirico. E’ un vintage musicale: torna sempre anche se cantiamo canzone degli altri. Mettiamo d’accordo le generazioni”. Il trio si definisce un “trio d’amici prima che di colleghi. Il lavoro è importante ma bisogna essere amici per andare d’accordo sul palco” precisa Ginoble.
“Cerchiamo di essere unici: non ci sono ragazzi di 20 anni che cantano questo genere musicale. La nostra non è lirica – dice il cantante  – non abbiamo competitor”.
“Io sono un perfezionista – chiarisce Ginoble – e sono il più rompiscatole. Piero Barone, il ragazzo con gli occhialini rossi è autoritario. Ha un carattere forte siciliano.  Ignazio Boschetto invece, è più un cazzeggiatore. Vive la vita con più spensieratezza. E’ quello che ci fa ridere nei momenti di tensione. Ho sempre ascoltato Sinatra e Bublé anche se dico che ascolto Pavarotti e Domingo”.
E sulla vicenda delle pareti d’albergo imbrattate: “Neppure gli animali fanno cose del genere. Più sei famoso e più cercano di buttarti giù ma non vinceranno. e va bene così: più se ne parla e meglio è”.
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

24 COMMENTI

  1. il volo fatelo da un palazzo di 20 piani, prima di paragonarvi ai led zeppelin, banda di soggetti 😀

  2. Cari “Il Volo”, come diceva il maestro Camilleri: “andate a fare in grandissimo culo” e lasciate in pace i Led Zeppelin.

  3. Certo che ai Led Zeppelin non potete nemmeno allacciare le stringhe delle scarpe.
    E ve lo dice uno al quale non dispiace il bostro genere.

  4. Cani da palcoscenico. Presuntuosi, peraltro musicalmente scarsi, che hanno costruito la loro immeritata fama sui dubbi gusti degli analfabeti musicali di oggi. Cani del genere non dovrebbero neanche pronunciare il nome “Led Zeppelin”. A venti anni, robert Plant e soci, erano già delle leggende. Vergogna a che ha concesso un cachet a questi chiachielli per venire a Salerno a stonare la notte di capodanno. Vergogna. Soldi buttati.

  5. Chi è cresciuto con i Led Zeppelin non VUOLE ascoltare dei presuntuosetti piccoli urlatori che non trovano nulla di meglio da fare che dileggiare dei maestri del rock…a proposito…i Led Zeppelin sono sul mio Ipod!
    Con stima… (poca).

  6. Se devo essere sincero i vostri commenti sono superflui! E’ stato in detto in anticipo da Giancarlo noi non siamo i Zeppelin!!.

  7. ….si faccia una petizione o qualcosa del genere sui social x incentivare a NON andare ad ascoltarli è l’unico strumento x far capire il dissenso in maniera civile….

  8. ma vergognatevi scrivere tutte queste cattiverie come buttatevi dal 20 piano a dei ragazzi di 20 anni?
    e non mi sembra si siano paragonati ai led zepplin hanno soltanto detto che la loro musica è diversa chi preferivate a salerno qualche rapper mediocre?

  9. Ma possibile che uno per essere considerato un bravo cantante uno deve cantare e suonare solo rock heavy metal e sti generi importati dalla gran bretagna o dagli usa? Il volo come hanno affermato si ispirano alla musica tradizionale italiana che è questa, infatti non hanno fatto altro che dire questo… siamo un altro genere tutta sta polemica per niente, aveva ragione Enzo Ferrari quando diceva gli italiani perdonano tutto tranne il successo, le stesse cose che leggo sul volo le leggo su Laura Pausini che non so quanti premi all’estero ha vinto le leggo su Ramazzotti, che è tra i cantanti Italiani più ascoltati all’estero e su Bocelli, quando un Italiano ottiene successo all’estero ed il Volo ha riempito niente popodimenoche il madison square garden di NewYork da italiani ne dovremmo essere orgogliosi.

  10. E ti pareva se non usciva qualcuno a difenderli…
    Disertare la piazza è il modo giusto per far capire sia a sti tre muccusielli arroganti e presuntuosi sia e a chi li pagherà che la notte della vigilia di capodanno la gente vuole divertirsi non annoiarsi a morte. Jat a fatica verament.

  11. ANDATE A LAVORARE non potete nemmeno avvicinarvi o paragonarvi ai LED ZEPPELIN… Siete raccomandati RAI di merda e basta… ANZI ANDATE A SCUOLA INVECE

  12. ANDATE A LAVORARE non potete nemmeno avvicinarvi o paragonarvi ai LED ZEPPELIN… Siete raccomandati RAI di merda e basta… ANZI ANDATE A SCUOLA INVECE

  13. Che non siete tenori si capisce benissimo… ma neppure cantanti… sieto solo raccomandati e dovete pagare, con i soldi che vi da il comune di salerno, chi vi ha portato così in alto.
    Più in alto si sale più veloce è la caduta.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.