Un pensiero “ardito” ma non troppo… La ripresa non è solo una questione di numeri (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
tony_ardito_foto_2Annunci di crescita del Pil, aumento degli occupati, riavvio della produzione industriale, ma tra lo sciorinio di statistiche e la “percezione” è palpabile una forte discrasia.
Ad ogni timido accenno di uscita dal tunnel della crisi, immancabile arriva il cartellino giallo del sentiment comune, indicato dai sondaggi, ma anche da altre ricerche: i consumi stentano, le famiglie preferiscono fare le formiche o pensare al mattone con i risparmi salvati dalle pretese del fisco, il tasso di occupazione giovanile è al 52,8%.

Solo la Grecia fa peggio dell’Italia. Tra i Paesi Ocse, la ripartenza delle imprese si vede quasi esclusivamente nel settore dell’auto, viceversa, le rate e le bollette non pagate continuano ad accumularsi nei cassetti, raggiungendo nel 2014 la cifra record di 56,2 miliardi; il quadruplo rispetto al 2007.

Insomma, se i numeri dicono che il ritorno del segno più davanti al Pil (+0,3% nel primo trimestre 2015) supera le aspettative, la cautela domina; metà degli italiani non si accorge di esser fuori dalla recessione e permane nel paese un clima di incertezza e preoccupazione.

Anche gli ultimi rapporti dell’Istat e dell’Ocse, usciti quasi contemporaneamente a fine maggio, rilevano l’importanza della lettura soggettiva di molti aspetti della realtà. Per esempio, il Rapporto annuale dell’Istituto di Statistica si sofferma sulle valutazioni degli italiani in diversi ambiti: condizioni di salute e di qualità del Servizio Sanitario (80% soddisfatti del proprio stato e 60% del servizio pubblico, ma con ampi divari socio-economici e territoriali); viabilità e mobilità (l’80% denuncia qualche problema, dalla manutenzione al traffico, dal parcheggio ai mezzi pubblici); disparità nell’accesso ai servizi (pronto soccorso, presidi delle forze dell’ordine, uffici comunali, strutture commerciali); partecipazione ad attività culturali e sociali.

L’Ocse invece ha preso spunto dal suo ultimo Rapporto sulle diseguaglianze per lanciare uno strumento interattivo volto a indagare la percezione che i cittadini dei 34 Paesi membri hanno della propria condizione reddituale. Dai dati contenuti nel rapporto l’Italia esce piuttosto malconcia. Nel nostro Paese, infatti, il 10% della popolazione più ricca percepisce un reddito che è 11 volte superiore a quello percepito dal 10% più povero (nell’Ocse 9,6 volte) e la crisi ha accentuato questo divario, se si pensa che dal 2007 al 2011 i redditi dei meno abbienti sono calati del 4%, quelli mediani del 2% e quelli più elevati dell’1 per cento.

E ancora: nel 2013 il 40% degli occupati lavorava con una forma atipica (part-time, a termine, lavoro autonomo) contro una media Ocse del 33%; inoltre già prima della crisi (dal 1995 al 2007) l’atipico era cresciuto più che altrove (+24% contro +7,3%) e il lavoro standard meno (solo +3% contro +10%).

Al di là di statistiche e numeri – attinti dall’autorevolissimo “Il Sole 24 ore” – quanto il cittadino è consapevole della propria condizione? Quanto ha ragione di sentirsi in ansia, arrabbiato o depresso? Solo pochi anni fa chi percepiva un reddito annuo di 35 milioni di lire, con moglie e due figli a carico, conduceva una vita più che dignitosa; oggi, una famiglia monoreddito con 18.700 Euro, invece, è prossima alla soglia di povertà.

Se è vero che le Istituzioni sono chiamate a rispettare i rigorosi parametri imposti dall’Europa, è altrettanto vero che non ci si può limitare al governo delle casse – provando solo a rimediare ai misfatti del passato – ed a conseguire qualche timido risultato che poi dà la stura a facili entusiasmi, ma per favorire la ripresa, diventa prioritario infondere serenità e fiducia nella opinione pubblica, e per farlo bisognerebbe avere il coraggio pure di sperimentare nuovi modelli di sviluppo e, soprattutto, riuscire ad anteporre alle ambizioni personali o di parte, un tangibile senso di responsabilità.
Questo sarebbe già un buon proposito per il 2016!

editoriale a cura di Tony Ardito, giornalista

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.