Che cos’è la democrazia (o del governo dei rapporti economici) di Angelo Giubileo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

angelo_giubileo_2L’apparente prima conclusione (di cui alla Parte I di quest’articolo) sembra pertanto ricondurci alla problematica con cui si apre il più recente libro di Van Reybrouck; ma la conclusione sarebbe affrettata. Ragion per cui, ripropongo l’analisi dell’etimo (dal greco etumon: vero, reale, genuino) della parola demo-crazia, così come peraltro proposto e argomentato nel saggio di Canfora. L’autore, come anticipato, parla innanzitutto di un clamoroso equivoco in cui sarebbero incorsi i padri costituenti della moderna Europa, in base ad un’interpretazione errata di un famoso discorso di Pericle, così come sarebbe stato tramandato da Tucidide.

Così, di seguito: “La parola che adoperiamo per definire il nostro sistema politico (…) è democrazia per il fatto che, nell’amministrazione, esso si qualifica non rispetto ai pochi ma rispetto alla maggioranza. Però nelle controversie private attribuiamo a ciascuno ugual peso e comunque nella nostra vita pubblica vige la libertà” (II, 37).

Dunque, riassumendo, nell’antichità e nell’ambito del sistema politico di cui Tucidide fa dire a Pericle, la “libertà” è riconosciuta alla “maggioranza” degli uomini; che, in quanto maggioranza, sarebbe, come in effetti è, formata in prevalenza dai “non possidenti”; gli uomini, in quanto “liberi”, godono del diritto corrispettivo di “cittadinanza”; l’esercizio effettivo della “cittadinanza” comporta un esercizio effettivo della “libertà”, che pertanto domina la sfera pubblica; a differenza di quanto avviene nella sfera (delle controversie) privata, dove domina il principio dell’“uguaglianza”.

La sottolineatura è mia, e mi consente pertanto di evidenziare un elemento in più, che emerge dalla ri-costruzione compiuta da Canfora. Questo elemento è rappresentato dalla condizione economica dei liberi (e solo in parte – privatamente – uguali), possidenti e non, e in maggioranza non possidenti. Il criterio della maggioranza non avrebbe dunque una valenza ed una funzionenumerica ma essenzialmente o prevalentemente economica. L’interpretazione, seguirebbe l’analisi di Aristotele: il criterio discretivo della maggioranza, che qualifica il sistema politico “sbilanciato verso il demos”, assume una valenza non  numerica ma economica (possidenti/non possidenti = rapporto tra classi); e quindi un sistema democratico, che si caratterizza per la “prevalenza del demo” (Aristotele), per dirsi tale, dovrebbe far riferimento piuttosto alle condizioni economiche della maggioranza dei cittadini che ne fanno parte. In ogni caso, una sorta di regime evolutivo equivalente al termine, demo-crazia, originariamente in uso.

Angelo Giubileo

(Parte II – continua)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.